Zayn Malik offende la Nazionale/ “Perché l’Italia è così sporcacciona?” bufera social

- Elisa Porcelluzzi

Zayn Malik, ex membro degli One Direction, accende le polemiche sui social con un tweet in lingua italiana: “Perché l’Italia è così sporcacciona?”. La risposta di Andrea Delogu e Fedez.

zayn malik min 640x300
Zayn Malik - Foto Instagram

Ieri sera i fari erano tutti puntati su Italia-Inghilterra. Anche i vip, inglesi e italiani, hanno guardato la finale di Euro2020 a Wembley. In molti hanno commentato sui social. Anche Zayn Malik, ex membro degli One Direction e fidanzato di Gigi Hadid, ha fatto sentire la sua voce sui social. Il cantante inglese ha scritto un tweet offensivo in lingua italiana: “Perché l’Italia è così sporcacciona?”. In tanti dall’Italia gli hanno risposto a tono, a partire da Andrea Delogu: “Senti sei stato il primo ad abbandonare la barca dei tuoi amici 1D. Non prendiamo lezioni dai traditori”. Anche Fedez ha risposto a Zayn pubblicando una simpatica foto di Leone arrabbiato. Tantissime le risposte dei tifosi azzurri: “Comunque mi sa che ti sei confuso sono i francesi quelli che non hanno un bidet”, ha scherzato un utente. Secondo altri il cantante stava solo scherzando: “Voleva fare ironia”.

Zayn Malik: le difficoltà con la figlia Khai

Lo scorso 20 settembre Zayn Malik è diventato papà di Khai, nata dalla sua relazione con Gigi Hadid. Nei giorni scorsi la modella ha scritto su Instagram una lunga lettera aperta in cui ha chiesto a paparazzi, stampa e fan di rispettare la privacy della figlia. “Sapete che non abbiamo mai condiviso intenzionalmente il volto di nostra figlia, Il nostro desiderio è che possa scegliere come condividere se stessa con il mondo una volta raggiunta la maggiore età e che possa vivere un’infanzia il più normale possibile, senza preoccuparsi di un’immagine pubblica che non ha scelto”, ha scritto Gigi Hadid facendo riferimento a quanto successo nell’ultimo viaggio della famiglia a New York. La modella, infatti, ha più volte condiviso sui social foto della bambina, che ha ormai 9 mesi, avendo cura di non inquadrarle mai il viso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA