BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA FRANCESCO/ Omelia di Santa Marta: l'identità del cristiano non viene dalle lauree

Nell'omelia di oggi Papa Francesco ha parlato dello Spirito Santo, unico modo per il cristiano di avere una autentica identità e capacità di testimonianza, ecco cosa ha detto

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Da ieri Bergoglio dopo la pausa estiva è tornato a celebrare la messa presso l'istituto Santa Marta dove vive. L'omelia di oggi è stata incentrata sul passo del vangelo dove si parla dell'autorità di Gesù. Una autorità che gli veniva, ha detto il pontefice, dall'unzione speciale dello Spirito Santo. Alcuni però si scandalizzavano del suo modo di predicare e della sua identità. Il Papa si è dunque chiesto quale sia la nostra identità di cristiani. Ha citato la prima lettura, San Paolo, dove l'apostolo spiega che noi parlino non grazie ala sapienza umana: "La predicazione di Paolo non è perché ha fatto un corso alla Lateranense, alla Gregoriana... No, no, no! Sapienza umana, no! Bensì insegnate dallo Spirito: Paolo predicava con l'unzione dello Spirito, esprimendo cose spirituali dello Spirito in termini spirituali. Ma l'uomo lasciato alle sue forze non comprende le cose dello Spirito di Dio: l'uomo da solo non può capire questo!" ha detto. Ecco allora è che è decisivo capire le cose dello Spirito se no non abbiamo identità e non offriamo testimonianza: "Ora, noi abbiamo il pensiero del Cristo e cioè lo Spirito di Cristo. Questa è l'identità cristiana. Non avere lo spirito del mondo, quel modo di pensare, quel modo di giudicare... Tu puoi avere cinque lauree in teologia, ma non avere lo Spirito di Dio! Forse tu sarai un gran teologo, ma non sei un cristiano, perché non hai lo Spirito di Dio!. Quello che dà autorità, quello che ti dà identità è lo Spirito Santo, l'unzione dello Spirito Santo". L'autorità di Gesù, ha detto ancora, viene dal capire le cose dello Spirito Santo. Tante volte, ha concluso, troviamo tra di noi delle vecchiette semplici che non hanno neanche finito le elementari ma parlano meglio di un teologo perché hanno lo spirito di Cristo. 

© Riproduzione Riservata.