BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL MISTERO DELLA MUMMIA/ Marinaio tedesco ritrovato mummificato: il suo yacht ha vagato per anni

I resti perfettamenti mummificati di un tedesco disperso nei mari da anni sono stati trovati a bordo del suo yacht da due pescatori al largo delle coste delle Filippine

Foto dal webFoto dal web

Come in una maledizione degli antichi pirati, tipo quella dell'Olandese volante, la sua imbarcazione ha vagato per i mari per anni senza essere vista da nessuna, uno yacht fantasma. Negli scorsi giorni due pescatori al largo delle coste delle Filippine si sono imbattuti nell'imbarcazione fatiscente e decadente e saliti a bordo nella cabina di comando vi hanno trovato un cadavere mummificato alla perfezione, un uomo seduto nei pressi della radio come se stesse ancora lanciando una richiesta di aiuto. Si è scoperto trattarsi di un tedesco che amava girare i mari all'avventura soprattutto nei mesi invernali per sottrarsi al freddo della sua madrepatria, scomparso da diversi anni, Manfred Bajorat. Il corpo si è conservato in questo stato grazie al clima secco e alle acque marine che ricoprivano in gran parte la cabina. Intorno a lui fotografie della moglie che era morta di tumore nel 2010, della figlia e dei suoi amici. Poi un'altra sconvolgente scoperta, un messaggio dell'uomo pubblicato su un forum di un sito per marinai: "Siamo stati sullo stesso sentiero per trent'anni poi le forze dei demoni sono state più forti della volontà di vivere, e te ne sei andata. Possa la tua anima trovare pace". Resta il mistero della morte dell'uomo. Una prima autopsia sembra indicare che sia morto di cause naturali e che nessun altro fosse stato a bordo con lui. Ma dove fosse diretto per quell'ultimo viaggio nessuno lo sa.

© Riproduzione Riservata.