BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

BULLISMO RELIGIOSO/ Inghilterra, ragazzo cattolico appeso a una croce e umiliato

Bullismo, violenze contro un ragazzo di fede cattolica sul posto di lavoro, gli accusati lo hanno anche legato a una croce in legno apesa al muro ecco di cosa si tratta

Immagine di archivioImmagine di archivio

In fondo non c'è bisogno di andare fino al lontano Califfato islamico, in Siria e in Iraq, visto quello che succede nelle nostre tranquille e ricche democrazie occidentali. A Selby, nella regione del North Yorkshire in Inghilterra, ad esempio un giovane apprendista che all'epoca dei fatti aveva 18 anni è stato legato con del nastro adesivo a una croce appesa al muro, ha subito umiliazioni varie e prese in giro, vedersi disegnare sul corpo con pennarelli indelebili insulti alla sua fede e simboli fallici. Quattro le persone accusate di bullismo continuato nei suoi confronti, Andrew Addison, 30 anni, Joseph Rose, 21, Christopher Jackson, 22, e Alex Puchir, 37. Sono stati accusati di violenza per motivi religiosi aggravata. Secondo l'accusa i quattro hanno sottoposto il ragazzo ad atti di bullismo al di là di ciò che si può ragionevolmente descrivere come battute o scherzi sul posto di lavoro. Sempre secondo l'accusa, i quattro avrebbero agito in tale modo per aperta ostilità nei confronti della fede cattolica dell'apprendista. In un'altra occasione uno degli aggressori avrebbe legato il ragazzo a una seggiola con del nastro adesivo tirandogli poi gli slip in modo violento da procurargli contusioni nelle zone intime. I quattro accusati si sono limitati a dire che non erano mossi da odio religioso e che si trattava di semplici scherzi sul lavoro.

© Riproduzione Riservata.