BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STAMINALI/ Lo "spauracchio" del brevetto per le cellule embrionali umane

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Nel marzo scorso, la rivista scientifica Nature ha dato risalto critico alle conclusioni che Yves Bot (Avvocato generale della Corte di giustizia della Comunità europea) aveva inviato alla Corte stessa. In queste conclusioni, l’avvocato Bot aveva saggiamente sostenuto che tutte le procedure riguardanti cellule staminali embrionali umane (anche quando non coinvolgano direttamente la distruzione di un embrione umano) non possono essere brevettate. Ciò, sostanzialmente, in quanto equivale a fare un uso industriale di embrioni umani: cosa da ritenersi “contraria all’etica e alla politica pubblica”.

Ora, nell’imminenza di una decisione definitiva della Corte (prevista per maggio), è ancora la stessa rivista a riproporre un appello, a firma di Austin Smith del Wellcome trust center di Cambridge e di dodici suoi colleghi, perché la Corte bocci il parere di Bot autorizzando così i brevetti riguardanti cellule embrionali umane. L’articolo di Smith è stato fatto circolare da Unistem dell’Università di Milano, che ha invitato i ricercatori a sottoscrivere l’appello.

Austin Smith è noto per avere sempre sostenuto l’utilità della ricerca con embrioni umani e le ragioni che riporta nell’appello sono sempre le stesse, ambigue e fuorvianti. Egli sostiene che le cellule staminali embrionali sono solo linee cellulari e non embrioni. Peccato che ometta di dire che esse sono derivate dalla distruzione di embrioni umani (esseri umani in via di sviluppo) che lui definisce come “surplus” di ovociti fertilizzati in vitro (sic!).



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
05/05/2011 - Conversione? (Christian Pioltelli)

Scienziati recentemente convertitisi dalle staminali embrionali alle adulte? Dopo i pessimi risultati ottenuti dalle sperimentazioni su base IPS (Pluripotenti Indotte ottenute da staminali adulte)ne dubito... Date un'occhiata a cosa sta succedendo in Francia per comprendere quale sia la linea di condotta della ricerca in Europa. Se la volontà è di continuare la ricerca ed eventuali terapie con le staminali, non si può prescindere dalle embrionali.