BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLIMA/ Un inizio d’anno da record (di pioggia)

Pubblicazione:

Grafico Arcis  Grafico Arcis

L'analisi qui di seguito presentata è frutto di un lavoro comune di raccolta e di condivisione di informazioni da parte dei tecnici dei Servizi Meteorologici Regionali del Centro Nord che partecipano al Progetto ARCIS (http://www.arcis.it).

In Italia, il clima del mese di gennaio 2014 è stato decisamente anomalo, con precipitazioni totali localmente eccezionali e temperature miti, che hanno assunto valori ben al di sopra della norma climatica in molte aree della Penisola. Queste anomalie sono state favorite dal persistere di una circolazione di larga scala caratterizzata da flussi atlantici particolarmente intensi con asse più a sud della norma, associati a un’alta frequenza di perturbazioni extra-tropicali che hanno interessato sia le regioni Italiane che buona parte dell’Europa.

Di conseguenza, sulle nostre regioni, più spesso del solito, i venti hanno assunto una direzione da sud-ovest o da sud-est, scaricando ingenti quantitativi di pioggia principalmente sul versante tirrenico dell’Appennino Settentrionale e sulle Alpi e Prealpi Orientali. L’Italia, come gran parte dell’Europa centro settentrionale, incluse le Isole Britanniche, si è trovata così ad affrontare frequenti emergenze idrologiche, con diffusi allagamenti ed esondazioni.

Uno sguardo d’insieme su tutto il nostro territorio nazionale si può ottenere dalle elaborazioni fatte dal Dipartimento di Protezione Civile Nazionale in base ai dati di monitoraggio meteo-climatico ricevuti dai Centri Funzionali e dai Servizi Meteorologici Regionali presentata in Figura. I totali di pioggia per il mese di Gennaio sono stati particolarmente intensi in Liguria, nel nord della Toscana, sul crinale appenninico Tosco-Emiliano, in Friuli-Venezia Giulia, nel Trentino-Alto Adige e localmente in Veneto. Nelle altre regioni, le piogge sono state sicuramente abbondanti, ma non eccezionali e il numero di giorni piovosi decisamente superiore alla media di gennaio, un mese che nell’Italia centro-settentrionale è tipicamente caratterizzato da precipitazioni abbastanza scarse.

I Servizi Meteorologici Regionali comunicano che nella parte settentrionale della Toscana gennaio 2014 è stato il più piovoso dal 1920, con cumulate mensili che localmente hanno raggiunto valori massimi di 1153 mm nelle Alpi Apuane e 1009 mm nei pressi del Passo dell’Abetone. Nei capoluoghi toscani le piogge hanno raggiunto valori mensili pari al triplo del clima del periodo 1971-2000, pur senza toccare valori record. In Liguria, le precipitazioni sono state copiose e nei capoluoghi le cumulate mensili sono state da tre a cinque volte i valori climatologici calcolati sul periodo 1961-2010, con valori massimi a La Spezia dove sono caduti in totale 500.4 mm di pioggia.

Anche in Emilia-Romagna, sul crinale Tosco-Emiliano, sono state osservate localmente cumulate mensili superiori a 700 mm, che rappresentano in tutti i casi valori massimi mai registrati dal 1920. In alcuni casi, questi record sono stati accompagnati da valori del tutto eccezionali di piogge cumulate sull’ultimo trimestre, con conseguenti impatti sulla stabilità geologica dei crinali e attivazione di molte frane storiche.

Passando all’arco alpino, le regioni più colpite sono state quelle del Nord-Est. In Friuli-Venezia Giulia la precipitazione cumulata mensile ha raggiunto un massimo di 1071 mm osservato sulle Alpi Giulie, 8 volte superiore alle cumulate climatologiche del mese. In pianura, invece, le precipitazioni sono state circa quattro volte il dato climatico di gennaio. In Veneto, i totali mensili di precipitazione sono stati pari a cinque o sette volte il valore climatico del mese. A Bolzano, sono stati registrati 159 mm di pioggia, pari a otto volte il valore mensile climatologico. A Trento i 188.2 mm osservati rappresentano il record per il mese di gennaio dal 1921.



  PAG. SUCC. >