INTERVISTATI / Gianfranco Basti

Ordinato sacerdote nel dicembre del 1978, ha conseguito la Licenza in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana dalla quale è attualmente incaricato del corso istituzionale di Logica e corsi post graduated sul rapporto mente – corpo e sui fondamenti della logica. Laureato in Filosofia presso l’Università La Sapienza di Roma. Dal 1996 è professore straordinario di Filosofia della Natura e della Scienza presso la Pontificia Università Lateranense di Roma.Ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN); ricercatore presso l’Istituto per i Circuiti Elettronici (ICE). Autore di oltre 80 pubblicazioni di argomento scientifico e filosofico, attualmente i suoi interessi di ricerca sono rivolti oltre che alle reti neurali e ai sistemi cognitivi, anche allo studio dei fondamenti della logica e della matematica.

TUTTI GLI ARTICOLI

CERVELLO/ Quali vantaggi porterà la “macchina per leggere il pensiero”? Al di là di certi trionfalismi mediatici...

Niente paura, nessuno verrà a sbirciarci in testa. È quanto assicura il professor GIANFRANCO BASTI, fisico, teologo e docente di Filosofia della Scienza, presso la Pontificia Università Lateranense, in merito agli entusiasmi pseudoscientifici con cui gran parte dei media hanno salutato un apparecchio in grado di ridare la voce a un disabile monitorandone le reazioni cerebrali

GLI ARCHIVI DELL'INTERVISTATO