INTERVISTATI / Giorgio Battisti

Generale di Corpo d’Armata, ha frequentato il 154° corso dell'Accademia Militare di Modena (1972-74) e la Scuola di Applicazione di Torino (1974-76). Promosso al grado di Colonnello nel dicembre 1996, dal settembre 1997 all'ottobre 1999 ha comandato il reggimento allievi dell'Accademia Militare di Modena. Ha partecipato alle operazioni in Somalia (1993) ed in Bosnia (1997). Dal 28 dicembre 2001 al 9 maggio 2002 è stato il primo Comandante del Contingente Italiano della missione ISAF in Kabul (Afganistan). Promosso Generale di Brigata il 25 marzo 2002, ha ricoperto l'incarico di Vice Comandante della Brigata “Taurinense” dal 18 giugno 2002, per assumerne il comando il 26 ottobre 2002. Dal 13 febbraio al 16 giugno 2003 è stato il primo Comandante del Contingente Italiano in Afganistan, sia per la missione Nibbio 1 (nell'ambito dell'Operazione “Enduring Freedom”) sia per la missione ISAF. Dal 31 maggio 2008 al 24 giugno 2011 ha ricoperto l'incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando delle Forze Operative Terrestri in Verona. Il 1° gennaio 2011 è stato promosso Generale di Corpo d’Armata. Il 30 giugno 2011 ha assunto l'incarico di Comandante del Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia. Dal 15 gennaio 2013 al 24 gennaio 2014 ha ricoperto l’incarico di Capo di Stato Maggiore della missione ISAF e quello di ITA–SNR (Italian Senior Representative) a Kabul, Afganistan. Il 23 agosto 2015 ha ceduto l’incarico di Ispettore delle Infrastrutture dell’Esercito e dal 25 agosto è Comandante del Comando della Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito. E’ autore di numerosi saggi e conferenze a carattere professionale presso Istituti Universitari e culturali sia nazionali sia internazionali. E’, inoltre, autore dei libri “Penne Nere in Afghanistan” (2004) e “ Storia Militare dell’Afghanistan” (2015). E' autore del libro "Fuga da Kabul" (2021) Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI