33enne padovano morto in crociera/ Il taglio, lo svenimento, il trauma cranico fatale

- Davide Giancristofaro Alberti

33enne padovano morto in crociera: da un piccolo taglio sul dito alla morte per trauma cranico

crociera 2019 web 640x300
Matteo e la sua compagna

Morire in crociera durante una vacanza: questo il tragico destino di un ragazzo di soli 33 anni originario del padovano. La notizia è riportata in queste ultime ore dai principali quotidiani online, a cominciare da Il Messaggero, che fornisce numerosi dettagli sull’accaduto. Matteo Sartori, così si chiamava la vittima originaria di Piove di Sacco, si era procurato un taglietto al dito mentre stava mangiando, nell’intendo di aprire un crostaceo. Una cosa da nulla, un taglio come ne capitano molti altri, e invece no, visto che Matteo ha improvvisamente perso i sensi, è svenuto, e cadendo ha sbattuto la testa. Un colpo violentissimo che gli ha provocato un grave trauma cranico che purtroppo non ha lasciato scampo allo stesso. Matteo è di fatto immediatamente andato in coma, per poi morire dopo qualche giorno di agonia.

33ENNE PADOVANO MORTO IN CROCIERA

La tragedia si è consumata presso la nave da crociera della Msc salpata da Venezia ai primi di questo mese. Si era regalato una splendida vacanza in compagnia della fidanzata, Sonia Marcato, e i due si stavano godendo il meritato riposo spensierati quando, la sera del 7 settembre, è successo l’inverosimile. La coppia si trovava nella sala da pranzo della nave, quando il ragazzo si è ferito ad un dito con un coltello. Vedendo che il sangue continuava ad uscire copioso, lo stesso ha pensato di tornare in cabina per medicarsi e mettersi un cerotto, e poco dopo lo ha seguito anche la sua compagna: compiendo il percorso che porta alle “cuccette”, ha però visto Matteo riverso a terra, ai piedi di una scala, dove probabilmente ha perso i sensi ed è svenuto. Il giovane è stato trasportato nel giro di poco tempo dalla nave (che si trovava sulla costa dell’Albania), fino all’ospedale più vicino, dove è morto pochi giorni dopo. La famiglia ha deciso di donare i suoi organi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA