Achille Lauro vs Striscia la notizia/ Rolls Royce “invocazione ossessiva alla droga”

Achille Lauro e Striscia la notizia, nuovo scontro tra il trapper e il programma satirico: ancora polemiche su Rolls Royce ed il suo significato.

Achille Lauro striscia la notizia
Achille Lauro

Achille Lauro vs Striscia la notizia, nuovo scontro a distanza tra il trapper e il programma satirico diretto da Antonio Ricci. Nel mirino del tg alternativo di Canale 5 la canzone Rolls Royce, presentata al Festival di Sanremo 2019 e al centro di una grande polemica per il suo significato: secondo Striscia, infatti, sarebbe un elogio alla droga. «Ci sono entrato in un modo e sono uscito in un altro. Ero ghettizzato in un preciso genere musicale e invece ho dimostrato di essere libero. E dire che Rolls Royce era pronta da un anno e mezzo, aspettavo solo la vetrina giusta», le parole di Achille Lauro a Il Giornale, che ha poi messo nel mirino il programma di Mediaset: «La campagna contro di me di un programma (Striscia la Notizia) che è andata avanti per oltre venti giorni dopo la fine del Festival. Sapevo che a Sanremo si sarebbe smosso qualcosa, Ma non pensavo di finire sotto la gogna così per caso».

SCONTRO ACHILLE LAURO-STRISCIA LA NOTIZIA, LA REPLICA DEL TG SATIRICO

Come riporta Dagospia, non è tardata ad arrivare la replica di Striscia La Notizia: «Nel caso di Rolls Royce, Striscia la notizia ha dimostrato più volte che quei versi, ci piace definirli così, acquistano un senso solo se si leggono come un’ossessiva invocazione alla droga, elemento che ha segnato gran parte della vita dell’artista. Lo scrive anche nella sua autobiografia (uscita appena qualche mese fa), nel capitolo «Confessioni di un pusher» (omen nomen), in cui racconta: “Compravo l’erba a 1,5 euro da questa importante famiglia e la rivendevo a 7. In un giorno senza aver fatto niente se non coordinare i ragazzi mi ritrovavo ad aver guadagnato 20 mila euro”». Si legge poi nella lunga nota del tg satirico di Antonio Ricci: «Il giornalista evidentemente non ha letto l’autobiografia di Lauro e dimentica che il rapper, alla presentazione del suo primo disco, ammetteva: “Io scrivo solo ed esclusivamente sotto l’effetto di stupefacenti. La droga è assolutamente fondamentale per la nostra creatività, oltre che per la nostra ispirazione musicale”».



© RIPRODUZIONE RISERVATA