Adriana Volpe, rivelazione choc/ “Mi hanno dato per morta”

- Elisa Porcelluzzi

Adriana Volpe ha raccontato che in passato è stata data per morta su un noto portale online: “Era riportata anche una data di morte”.

Adriana Volpe
La conduttrice Adriana Volpe

Adriana Volpe, durante la puntata odierna della sua trasmissione “Ogni Mattina”, ha rivelato un curioso aneddoto sul suo conto. In passato la conduttrice ed ex concorrente della quarta edizione del Grande Fratello Vip è stata data per morta da un portale internet. “Una volta ho scoperto che su Wikipedia mi hanno dato per morta, accanto alla mia data di nascita era riportata anche una data di morte”, ha raccontato Adriana Volpe lasciando a bocca aperta i suoi ospiti, tra cui Raffaello Tonon. La conduttrice ha spiegato che il curioso e un po’ macabro episodio è avvenuto qualche tempo fa, ma non è stato possibile risalire a chi ha effettuato questo triste scherzo. Ricordiamo che lo scorso anno, Adriana Volpe ha perso per coronavirus il suocero Ernesto Parli, padre del marito Roberto. La conduttrice, infatti, aveva lasciato la cada del GF Vip proprio per stare vicino alla sua famiglia.

Adriana Volpe: data per morta su Internet

Dopo aver rivelato il curioso aneddoto sul suo passato, Adriana Volpe ha lasciato spazio ai suoi ospiti. In studio c’era il dottor Marco Bartolucci, specialista in operazioni di liposuzione e dimagrimento. Il dottore ha parlato di un nuovo procedimento di liposuzione che con due semplici sedute è possibile ottenere risultati dimagranti mai visti prima. “È incredibile, sono rimasta impressionata”, ha detto la conduttrice dopo aver ascoltato la spiegazione del medico. In studio anche Raffaello Tonon che invece ha parlato del suo rapporto con il padre, definendolo “Non buono”. Nei giorni scorsi su Novella 2000, Adriana Volpe ha parlato degli ascolti di “Ogni mattina”: “Non sono preoccupata, benché consapevole che i dati ora non brillino… Ma sono altresì certa che bisogna fidelizzare il pubblico… Le somme comunque si tireranno a giugno…”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA