Alessandro Rinaldi, lettera alla D’Urso per Fedez/ “Mia frase sui gay estrapolata!”

- Anna Montesano

Alessandro Rinaldi, consigliere comunale per la Lega a Reggio Emilia, ha scritto una lettera per Fedez inviata a Barbara D’Urso a Pomeriggio 5

barbara durso fedez pomeriggio5 640x300
Barbara D'Urso legge la lettera di Rinaldi per Fedez

Alessandro Rinaldi, consigliere comunale per la Lega a Reggio Emilia, è uno dei nomi citati da Fedez nel suo discorso fatto al Concertone del 1 maggio. In particolare sarebbe lui l’autore della frase ‘I gay si comportino come tutte le persone normali”. Parole che vengono ripetute oggi a Pomeriggio 5 quando Barbara D’Urso annuncia che proprio il consigliere Rinaldi ha deciso di scrivere una lettera a Fedez e di inviarla proprio alla D’Urso affinché possa leggerla in diretta televisiva. “Sono stato citato da Fedez al Concertone del 1 maggio per aver detto in consiglio comunale ‘I gay si comportano come persone normali’. In realtà questa frase è stata estrapolata da un discorso ben più ampio”, esordisce il consigliere nella lettera.

Lettera del consigliere della Lega Rinaldi a Fedez: “Esperto strumentalizzatore”

Alessandro Rinaldi, nella lettera, spiega le motivazioni per le quali Fedez avrebbe sbagliato. Nel discorso, dice: “invitavo le associazioni LGBTQ a non risaltare in maniera ossessiva e grottesca il loro orientamento sessuale ma a comportarsi come tutte le persone normali. – così lancia l’accusa al rapper – Fedez, da esperto strumentalizzatore, ha estrapolato due parole, mettendomi alla gogna pubblica.” Infine lo invita ad un confronto faccia a faccia, magari proprio nel salotto della D’Urso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA