ALESSANDRO SIBILIO FINALE 400 HS OLIMPIADI TOKYO 2020/ Solo 8^: oro a Warholm

- Mauro Mantegazza

Alessandro Sibilio finale 400 hs Olimpiadi Tokyo 2020: solo ottavo posto per l’azzurro in una gara straordinaria, dominata da Warholm, nuovo primatista del mondo.

Sibilio Italia
Italia, Alessandro Sibilio in azione

DIRETTA ALESSANDRO SIBILIO, FINALE 400 HS: SOLO OTTAVO POSTO

Nulla da fare per il nostro Alessandro Sibilio che nella finale dei 400m ostacoli alle Olimpiadi di Tokyo 2020 chiude con solo l’ottavo posto e il crono di 48.77 la sua gara. Per l’azzurro dunque una buona prestazione certo ma pur molto lontana dai migliori del mondo, che hanno anzi dato vita a una delle gare più veloci di sempre per la specialità. Basti pensare che il vincitore della medaglia d’oro, Karsten Warholm, con il tempo di 45.94,  ha segnato il nuovo record del mondo: alle sue spalle lo statunitense Benjamin ha segnato il nuovo primato continentale sul 46.17 e che il bronzo Dos Santos ha fatto lo stesso, fermando il cronometro sul 46.72. Davvero una gara straordinaria quella a cui abbiamo assistito questa notte: peccato non aver applaudito a un’impresa per il tricolore. (agg Michela Colombo)

SARÀ IMPRESA AZZURRA?

Alessandro Sibilio sarà protagonista della finale dei 400 hs maschili alle Olimpiadi Tokyo 2020, con inizio alle ore 5.20 italiane (le 12.20 locali in Giappone) essendo uno degli eventi previsti nella sessione mattutina dell’atletica leggera di oggi, martedì 3 agosto. Nella memorabile giornata di domenica è passato fatalmente in secondo piano il risultato di Alessandro Sibilio, offuscato (per la gioia di tutti) dall’oro di Gianmarco Tamberi nel salto in alto e quello ancora più clamoroso di Marcell Jacobs nei 100 metri, ma bisogna dire che questa qualificazione di Sibilio fra i migliori otto del mondo dei 400 ostacoli maschili è un risultato straordinario, che certifica la crescita complessiva dell’atletica leggera italiana. Gli azzurri ci stanno stupendo, con le due perle dei campioni olimpici, ma più in generale anche con un livello di competitività molto alto in quesi tutte le discipline, come non si vedeva da molti anni, della quale naturalmente la finale dei 400 hs con Alessandro Sibilio è uno dei fiori all’occhiello. Proviamo allora a sognare anche con l’ostacolista, che non sarà tra i primi favoriti ma certamente può recitare da outsider nella diretta della finale dei 400 hs maschili alle Olimpiadi Tokyo 2020: tutto quello che verrà sarà tanto di guadagnato.

COME VEDERE LA FINALE 400 HS DI ALESSANDRO SIBILIO IN DIRETTA STREAMING ALLE OLIMPIADI TOKYO 2020

La diretta tv di Alessandro Sibilio nella finale dei 400 hs alle Olimpiadi Tokyo 2020 sarà su Rai Due: ricordiamo che i Giochi sono coperti dalla televisione di stato con 200 ore di diretta e dunque questo evento sarà uno di quelli che andranno in onda in chiaro nel corso della sessione dell’atletica. In alternativa, per gli abbonati l’appuntamento potrà essere anche sui canali di Eurosport (visibili anche tramite Dazn) e in diretta streaming video su Discovery+, che ha l’esclusiva per quanto riguarda lo streaming – che non sarà dunque disponibile su Rai Play.

ALESSANDRO SIBILIO FINALE 400 HS OLIMPIADI TOKYO 2020: GLI AVVERSARI

In attesa della diretta della finale dei 400 hs maschili con Alessandro Sibilio, vediamo quali sono i nomi di spicco di questa gara nella quale l’azzurro proverà a recitare da outsider. L’Europa può vantare un nome davvero illustre dei 400 ostacoli, cioè il norvegese Karsten Warholm, che sarà in gara in corsia 6 tra i grandi favoriti. Per il Vecchio Continente ci sono anche l’estone Rasmus Magi in corsia 9, l’estremo opposto rispetto ad Alessandro Sibilio in corsia 2, inoltre Yasmani Copello, che gareggia sotto la bandiera della Turchia e sarà in gara in corsia 3 di fianco all’azzurro. Altri due nomi di grandissimo valore nei 400 hs maschili sono il qatariota Abderrahman Samba e lo statunitense Rai Benjamin, rispettivamente in corsia 8 e in corsia 5, mentre in corsia 4 ci sarà Kyron McMaster delle Isole Vergini Britanniche e in corsia 7 il brasiliano Alison Dos Santos. Potremmo dire: Benjamin, Warholm e Samba nomi di spicco, poi il cronometro e la pista diranno tutto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA