Alex Zanardi, al via risveglio da coma/ Riduzione sedazione: quadro neurologico grave

- Emanuela Longo

Alex Zanardi, iniziato il lento ma costante processo di risveglio dal coma indotto: il quadro neurologico resta grave. Al via progressiva riduzione della sedazione

Zanardi
Alex Zanardi (LaPresse)

Per Alex Zanardi inizia una fase importantissima e determinante a distanza di quasi un mese dal terribile incidente dello scorso 19 giugno in handbike avvenuto a Pienza. Secondo quanto diramato dai sanitari dell’ospedale Le Scotte di Siena è iniziata la fase di riduzione della sedazione che significherà, dunque, il lento ma progressivo processo di risveglio di Zanardi dal coma indotto. Nel bollettino diffuso nella giornata odierna si legge dunque che “la direzione sanitaria, in accordo con la famiglia del campione, informa che è stata avviata in questi giorni la progressiva riduzione della sedo-analgesia”. Tuttavia, occorreranno ancora dei giorni prima di poter fare ulteriori valutazioni da parte dell’équipe multidisciplinare che ha in cura il campione paralimpico. In merito alle sue condizioni di salute, si legge ancora nel bollettino pubblicato sul sito dell’ospedale, “Attualmente, rimangono stabili i parametri cardio-respiratori e metabolici, permane grave il quadro neurologico e la prognosi rimane riservata”. Per eventuali nuove comunicazioni sulle condizioni di Alex Zanardi occorrerà attendere la prossima settimana quando, spiegano ancora i sanitari, in accordo con la famiglia potrebbero giungere nuovi bollettini.

ALEX ZANARDI, INIZIATO LENTO RISVEGLIO DA COMA

Da alcuni giorni, quindi, è ufficialmente iniziata la “fase 2” che comporterà una graduale diminuzione del dosaggio di farmaci che tengono in coma Alex Zanardi, campione di handbike ed ex automobilista. Si tratta chiaramente di una fase particolarmente lenta e delicata durante la quale lo sportivo sarà costantemente sotto osservazione da parte della squadra multidisciplinare che lo ha in cura al fine di poter valutare passo dopo passo le sue condizioni e “permettere ogni prosecuzione del suo percorso terapeutico e riabilitativo”. La prossima domenica ricorre un mese esatto dal drammatico scontro con un camion nel territorio comunale di Pienza. Zanardi si trovava sulla sua handbike e stava partecipando ad una staffetta benefica con altri compagni di viaggio nell’ambito di una manifestazione che si poneva come obiettivo quello di lanciare un messaggio di ripartenza dopo i lunghi mesi di lockdown. La dinamica, come rammenta La Nazione, sarebbe ormai stata chiarita: Zanardi avrebbe tragicamente perso il controllo della handbike e si sarebbe schiantato contro il mezzo pesante riportando un grave trauma cranico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA