ANDAMENTI E TITOLI BORSA ITALIANA OGGI VENERDÌ 12 AGOSTO 2022/ Chiusura a +0,49%

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana oggi venerdì 12 agosto 2022: Piazza Affari chiude in rialzo. Sul listino principale bene Telecom Italia. Male invece Prysmian. Gli aggiornamenti sulle azioni

borsa italiana
Piazza Affari, la Borsa di Milano (LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dello 0,49% e sul listino principale troviamo in rosso Amplifon (-1,88%), Campari (-0,15%), Cnh Industrial (-0,12%), Diasorin (-0,29%), Exor (-0,36%), Ferrari (-0,19%), Inwit (-0,3%), Italgas (-0,09%), Iveco (-0,84%), Leonardo (-1,46%), Moncler (-0,76%), Prysmian (-2,86%), Recordati (-1,33%), Tenaris (-0,23%) e Terna (-0,73%). I rialzi più significativi sono quelli di Banca Generali (+0,67%), Banca Mediolanum (+0,58%), Banco Bpm (+4,04%), Enel (+0,7%), Generali (+0,81%), Hera (+1,05%), Interpump (+0,55%), Intesa Sanpaolo (+0,75%), Mediobanca (+0,67%), Nexi (+5,07%), Stellantis (+0,99%), Telecom Italia (+6,04%), Unicredit (+2,66%) e Unipol (+0,91%). Il cambio euro/dollaro scende a quota 1,025, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 209 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:50

La Borsa italiana sale dello 0,4% e sul listino principale troviamo in rosso A2A (-0,3%), Amplifon (-1,5%), Campari (-1,2%), Diasorin (-0,5%), Exor (-0,3%), Ferrari (-0,4%), Fineco (-0,2%), Inwit (-0,4%), Italgas (-0,8%), Iveco (-0,5%), Leonardo (-0,6%), Moncler (-1,7%), Prysmian (-2,3%), Recordati (-1,3%), Snam (-0,3%) e Terna (-0,3%). I rialzi più significativi sono quelli di Banco Bpm (+4,1%), Bper (+0,7%), Interpump (+0,5%), Intesa Sanpaolo (+0,8%), Mediobanca (+0,9%), Nexi (+5,8%), Stellantis (+1%), Telecom Italia (+5,4%), Unicredit (+2,4%) e Unipol (+1%). Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,03, mentre lo spread tra Btp e Bund sfiora i 209 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 9:55

La Borsa italiana guadagna lo 0,6% e sul listino principale troviamo in rosso Amplifon (-0,6%), Atlantia (-0,1%), Campari (-0,2%), Diasorin (-0,9%), Inwit (-0,4%), Italgas (-0,5%), Prysmian (-0,4%), Recordati (-0,2%), Snam (-0,2%), Stm (-0,5%) e Terna (-0,2%). I rialzi più significativi sono quelli di Banco Bpm (+2,3%), Bper (+0,9%), Cnh Industrial (+0,6%), Enel (+0,8%), Eni (+1,1%), Exor (+1,2%), Fineco (+0,5%), Generali (+0,5%), Interpump (+0,6%), Intesa Sanpaolo (+0,6%), Mediobanca (+0,7%), Nexi (+6,7%), Pirelli (+0,9%), Saipem (+0,6%), Stellantis (+1,6%), Telecom Italia (+0,7%), Tenaris (+1,7%), Unicredit (+1,3%) e Unipol (+0,9%). Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,03, mentre lo spread tra Btp e Bund sale verso i 206 punti base.

PIAZZA AFFARI CHIUDE LA SETTIMANA

La settimana si chiude con molti dati macroeconomici in agenda. Alle 8:00 dalla Gran Bretagna arriveranno la produzione industriale di giugno e il Pil del secondo trimestre. Alle 8:45 toccherà all’inflazione francese di luglio, mentre alle 9:00 a quella spagnola nello stesso mese. Alle 10:00 l’Istat renderà noto il saldo della bilancia commerciale di giugno. Alle 11:00 toccherà alla produzione industriale europea di giugno. Alle 14:30 dagli Usa arriverà l’indice dei prezzi all’importazione, mentre alle 16:00 all’Indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan e relativo al mese di agosto. A mercati chiusi arriverà l’aggiornamento di Moody’s sul rating del debito sovrano tedesco.

Ieri Piazza Affari ha chiuso in rialzo dello 0,69% a 22.858 punti. Sul listino principale si è messa in luce Telecom Italia con un +3,3%. Superiori al punto percentuale anche i rialzi di A2A (+1,4%), Amplifon (+3%), Banco Bpm (+1,8%), Cnh Industrial (+1,5%), Diasorin (+2,7%), Eni (+1,4%), Exor (+1,2%), Inwit (+1,8%), Iveco (+1,9%), Poste Italiane (+1,5%), Prysmian (+2%), Saipem (+1,9%), Stm (+1%) e Tenaris (+2,4%). Pirelli ha fatto peggio di tutti con un -1,6%. Superiori al mezzo punto percentuale anche i ribassi di Bper (-1,4%), Campari (-0,8%), Interpump (-1,3%) e Italgas (-0,6%). Lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 206 punti base.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA