Andrea Cerelli, il professore de L’Eredità/ “La tv mi ha dato un impatto positivo”

- Emanuele Ambrosio

Andrea Cerelli, il professore de L’Eredità, tra i protagonisti dello Speciale di Sanremo 2022: “Finora non avevo mai fatto nulla”

Andrea Cerelli

Andrea Cerelli, il professore de L’Eredità, tra i protagonisti dello Speciale di Sanremo 2022. Il modello di origini lombarde è diventato nel giro di pochi mesi una celebrità. Il 29enne di Busto Arsizio dopo aver completato gli studi di perito commerciale ha deciso di seguire la sua passione per lo sport iscrivendosi a Scienze Motorie. All’età di 20 anni però ha cominciato a lavorare come modello girando il mondo e sfilando per diversi brand di lusso tra cui Dolce e Gabbana. L’arrivo in tv è stato del tutto casuale, visto che un giorno la sua agenzia gli ha proposto di fare un provino per modelli per la tv come ha raccontato a Tv Sorrisi e Canzoni: “un giorno ero a Milano, in agenzia, e mi hanno detto che Francesco Facchinetti stava cercando delle persone da proporre a produzioni televisive e sono andato a fare il casting”.

Parlando proprio del provino ha raccontato: “ci hanno dato delle frasi da leggere con vari accenti italiani, ma anche in inglese. E ci hanno chiesto di fare una breve presentazione di noi”.

Andrea Cerelli: dalla moda alla tv come professore de L’Eredità

Andrea Cerelli è il primo professore de L’Eredità, il quiz show di successo condotto da Flavio Insinna nella fascia pre-serale di Raiuno. Intervistato da Tv Sorrisi e Canzoni, il modello ha confessato che questo ruolo gli piace davvero tanto: “professoresso”, dico io scherzando. È una definizione giusta: nel programma interpreto il Professore che dà una spiegazione, che sa il significato delle parole”. Il modello ha poi raccontato la sua storia: “dopo il diploma, amando tantissimo l’atletica, mi ero iscritto a Scienze motorie. Gareggiavo a livello nazionale nei 400 ostacoli: io sono molto alto e l’ostacolo mi dava una ritmica e una cadenza”.

La moda è arrivata all’improvviso nella sua vita. “iniziai casualmente a fare il modello per un’agenzia di moda a Milano. Poi andai a Parigi dove sfilai per lo stilista Riccardo Tisci e grazie a quello mi trasferii a New York. In America ho lavorato per Armani, Dolce & Gabbana, Cavalli e altri”. Non solo moda, visto che Andrea è anche un grande appassionato di gioielli e accessori: “mi sono messo a disegnare qualcosa per alcuni amici. Quindi ho collaborato con dei marchi di moda”. Sui social è molto seguito anche se si fa chiamare Andy Walters. Un nome deciso dal responsabile dell’agenzia italiana come ha rivelato: “mi seguiva pensava fosse più facile lavorare con un nome internazionale: Andy è Andrea in inglese, Walters è stato un famoso modello inglese. Era di buon auspicio”. Infine parlando del suo arrivo in tv ha detto: “c’è differenza tra il condividere sui social ogni secondo della vita ed essere in tv. La tv mi ha dato un impatto positivo. Finora non avevo mai fatto nulla, anche se a New York avevo preso lezioni di recitazione per avere più confidenza con il corpo e migliorarmi come modello”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA