Andrea Pucci/ “Paolo Ruffini dispiaciuto di non esserci” (La Pupa e il Secchione)

- Emanuele Ambrosio

Andrea Pucci è pronto condurre la nuova edizione de La Pupa e il Secchione e viceversa su Italia 1 e sul collega Paolo Ruffini rivela…

Andrea Pucci
Andrea Pucci (In... tolleranza zero, Mediaset)

Andrea Pucci è pronto condurre la nuova edizione de La Pupa e il Secchione e viceversa, il reality show di successo in partenza da giovedì 21 gennaio 2021 in prima serata su Italia 1. La prima grande novità di questa edizione è proprio l’arrivo del comico e conduttore che prende il posto di Paolo Ruffini. Un passaggio di testimone che ha sorpreso lo stesso Ruffini stando a quanto dichiarato da Pucci durante un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo: “Paolo Ruffini era molto dispiaciuto di non essere stato riconfermato, ma io non c’entro nulla. Mai messo pressione per prendere il suo posto. Paolo mi ha dato dei consigli per quest’avventura”.

Accanto ad Andrea Pucci confermatissima, invece, Francesca Cipriani nel ruolo di “pupa” e madrina che farà ancora una volta divertire i telespettatori. Il comico e conduttore non nasconde l’entusiasmo di essere al timone del reality show pur precisando di non aver assolutamente cercato di prendere il posto del collega Paolo Ruffini. Parlando poi del programma che considera un bellissimo esperimento social ha detto: “sono nate delle storie d’amore. Non smetto mai di ridere quando non sanno rispondere a domande banali”.

Andrea Pucci: “Colorado? Ci sono stato 11 anni”

Andrea Pucci, vero nome Andrea Baccan, prima di diventare un comico e conduttore di successo ha lavorato per diversi anni nella tabaccheria di famiglia. Poi improvvisamente si è ritrovato a far divertire la gente, ma tutto è nato in modo assolutamente casuale come ha racontato in una intervista rilasciata a ilnuovocalcio.it.: “i miei inizi sono stati casuali, direi involontari, nel senso che lavoravo per la Valtur nel 1991 ad Agadir, Marocco. Ero il responsabile della piscina perché avevo un brevetto di nuoto…”. Ricordando proprio quell’esperienza, Pucci ha aggiunto: “facevo ridere tutti. Il capo villaggio mi disse “Tu qui non c’entri niente, ti metto in animazione!”. Da lì divenni la colonna portante dell’intrattenimento di quella stagione e man mano mi resi conto che, oltre a divertirmi in prima persona, la gente si divertiva più di me.

Sognavo questo lavoro, ma non sapevo quale fosse la strada giusta per avere successo, o meglio per esprimere quello che avevo dentro”. Poi arrivano i primi successi con la trasmissione “La sai l’ultima?” dove trionfa nel 1993: “nelle mie performance raccontavo delle barzellette di milanesi “ganassa”, quelli della “Milano bene” che avevano tutti quei nomignoli: Cicci, Pucci, Ciccetti… E ogni volta che entravo in scena, Pippo Franco, il conduttore di quegli anni, anziché presentarmi con il mio nome, Andrea Baccan, diceva “Il Pucci di Milano”. Sai cosa è successo? La gente per strada mi riconosceva così, quindi ho tenuto Andrea, il mio nome, e Pucci, il nomignolo che mi aveva attribuito Pippo Franco”.

Infine la consacrazione con Colorado dove ancora una volta è arrivato per “merito di una persona del pubblico di un mio spettacolo. Mi indirizzò a dei casting di Mediaset, lì andò bene. Mi presero e partecipai a quella trasmissione per ben 11 anni!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA