Anna Bottero, scomparsa da Alessandria/ L’appello del compagno “Sto diventando matto”

Anna Bottero è una donna di 56 anni scomparsa dal 12 maggio dalla provincia di Alessandria

Anna Bottero, Chi l'ha Visto?
Anna Bottero (Rai)

Anna Bottero è scomparsa lo scorso 12 maggio da Rivalta Bormida, un comune in provincia di Alessandria (Piemonte). La donna di 56 anni è uscita di casa di sera, e ha fatto perdere ogni traccia di se. Il suo compagno, Domenico, di anni 66, è disperato, e oggi ha diramato un appello di fronte alle telecamere di “Chi l’ha Visto?”, noto programma di Rai Tre: «Torna, ti voglio tanto bene – le parole in lacrime – non so che cosa fare. Ho paura che le sia successo qualcosa, mi sembra di essere in una bolla di sapone, di vivere in un’altra dimensione, sto diventando matto…». Quella sera del 12 maggio Domenico si trovava al piano terra della sua villetta a guardare la televisione, mentre la compagna, Anna, era al piano di sopra a letto. Ad un certo punto, però, Domenico si è accorto che qualcosa non andava dopo aver visto la porta “secondaria” aperta. Anna sarebbe uscita da sola, di sera, e poi avvistata su una panchina del paese da un ragazzo, Aziz: indossava un giubbottino azzurro, dei jeans o dei pantaloni scuri.

ANNA BOTTERO, SCOMPARSA DA ALESSANDRIA

Non si sa dove sia finita visto che a quell’ora di sera non passano bus in paese, e di conseguenza non è da escludere che possa aver chiesto un passaggio ad uno sconosciuto, o che magari qualcuno l’abbia investita e lasciata da qualche parte. Subito dopo la denuncia di scomparsa sono scattate le ricerche da parte della protezione civile che però hanno dato esito negativo: «Abbiamo effetto delle ricerche nel fiume che sono durate tre giorni ma hanno dato esito negativo, abbiamo scandagliato tutti i pozzi della zona, le vasche di irrigazione, non abbiamo trovato nulla». Secondo alcune indiscrezioni pare che la donna scomparsa soffrisse di depressione nell’ultimo periodo, e di conseguenza non è da escludere si sia resa protagonista di qualche gesto tragico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA