ANNA FERZETTI, COMPAGNA PIERFRANCESCO FAVINO/ “Non è facile essere due…”

- Morgan K. Barraco

Anna Ferzetti, compagna Pierfrancesco Favino: le radici delle loro relazioni ci raccontano di una coppia felice che ha affrontato tanti momenti insieme.

anna ferzetti 2019 instagram 640x300
Anna Ferzetti, compagna di Pierfrancesco Favino

Si chiama Anna Ferzetti la compagna di Pierfrancesco Favino, amato attore italiano oggi ospite di Silvia Toffanin a Verissimo. I due sono genitori e ammettono che essere figli d’arte non è cosa semplice. Lo racconta proprio la Ferzetti nel corso di un’intervista rilasciata qualche tempo fa a Io Donna. “Facile? No, e te lo dico da figlia d’arte. – racconta la Ferzetti, che spiega – Non è per niente facile perché il paragone ti seguirà sempre. È giusto che lei trovi la sua strada, poi se vuole, ci siamo per qualsiasi consiglio. Greta segue un corso di musical ma ci fa aspettare il saggio finale per ascoltarla.” Così a sua figlia la Ferzetti consiglia: “Di credere tanto in quello che fa, per se stessa e non per noi. Le dico sempre: se vuoi fare l’attrice va bene. È complicato come qualsiasi altro mestiere. Devi studiare tanto. In più ha anche la fortuna di avere due attori in casa.” (Aggiornamento di Anna Montesano)

Anna Ferzetti, chi è la compagna di Favino

Come nasce l’amore fra Anna Ferzetti e Anna Ferzetti? Per conoscere le radici della loro relazione, che dura ormai da sedici anni, bisogna ritornare indietro fino ad una certa festa in cui l’attore pesterà il piede alla futura compagna. “Abbiamo iniziato a chiacchierare e non ci siamo fermati più”, racconta lei a Vanity Fair. La coppia è riuscita così a trovare diversi punti in comune, come la passione per il ballo, senza dimenticare però lo spazio libero di ognuno. “Ci vediamo poco e ogni volta è una gioia ritrovarsi. Se si sta un po’ separati, la coppia si rafforza”, dice ancora Anna, “abbiamo vissuto in due case fino ad alcuni mesi dopo la nascita di Greta, la nostra primogenita”. I due infatti hanno dato alla luce la piccola Lea otto anni più tardi l’arrivo di Greta. Il motivo della scelta di vivere da separati, a quanto pare, è da ricondurre anche alla famiglia tradizionale di Favino, di 13 anni più grande rispetto alla compagna. “Erano due appartamenti nello stesso palazzo. Ci abbiamo messo un po’ a passare alla convivenza, ad allineare i percorsi”, spiega l’attrice. Oggi, sabato 11 gennaio 2020, Pierfrancesco Favino sarà inoltre ospite di Verissimo per parlare della sua carriera. Ci sarà anche spazio per dire qualcosa di più sulla sua famiglia?

Anna Ferzetti, compagna Pierfrancesco Favino: figlia d’arte e…

Come figlia d’arte, Anna Ferzetti non ha potuto contare sull’appoggio del padre Gabriele Ferzetti per i suoi sogni di diventare attrice come il suo compagno Pierfrancesco Favino. “All’alba andavo a prendere il caffè al bar sotto casa, vicino all’edicola, ed è venuto naturale dare una mano. Papà non voleva facessi l’attrice. Quando poi l’ha accettato, mi ha detto: studia. E io – tenace come ogni Capricorno, per di più ascendente Toro – ho studiato. Ma non ho fatto l’Accademia, come Pierfrancesco [Favino, ndr]. Abbiamo storie diverse”, racconta a Vanity Fair. Anna infatti ha studiatoper 15 anni in una scuola tedesca, poi a 18 si è trasferita a Roma e per mantenersi ha fatto i lavori più disparati, dalla cameriera all’interprete, fino all’edicolante. “Pierfrancesco è stato il mio primo fan. Mi ha spinto lui a fare l’attrice, dopo la nascita di Greta. Anche papà in fondo era contento, però non l’avrebbe mai ammesso”, dice ancora parlando del sostegno ricevuto dall’attuale compagno. A differenza del genitore, Favino è stato tra l’altro più che presente nella vita dell’artista. Anche per questo era impossibile per Anna non amarlo alla follia: “è paziente, amorevole, dolce, sensibile, bello e malinconico. Fa crepare dal ridere”, ha detto a Radio Italia. Su una cosa però sono diversi: lei ha una grandissima passione per la moda, colleziona anelli, occhiali, scarpe, borse. “Ognuno ha il suo armadio”, dice del compagno a Io Donna, “io ne ho uno solo per le scarpe, visto che porto il 41. Cerco comunque di eliminare quelle vecchie quando ne compro di nuove. Bisogna imparare a buttare”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA