PIERFRANCESCO FAVINO/ Commosso per la storia Leslie Martin: “Lo ammiro” (Telethon)

- Matteo Fantozzi

Pierfrancesco Favino, Una Serata per Telethon: dopo essersela cavata molto bene come co-conduttore del Festival di Sanremo torna protagonista sul palco di Rai 1.

pierfrancesco favino bettino craxi
Pierfrancesco Favino (LaPresse)

Sul palco di Rai1 per la Festa di Natale di Rai1 dedicata alla Fondazione Telethon arriva Pierfrancesco Favino. Il noto attore racconta quella che è la storia di una famiglia con bambini affetti da una grave malattia genetica e della battaglia da loro avviata affinché vengano fatti più esami ai neonati per scoprire sin da subito se un bambino possa avere problemi di questo tipo. Il protagonista di questa storia, magistralmente interpretato da Favino nel suo monologo, è Leslie Martin, il padre di questi due bambino ai quali geneticamente ha trasmesso questa patologia. Leslie è in studio e l’attore lascia allora a lui il palco, non senza sottolineare l’ammirazione per la sua forza e la sua determinazione. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Pierfrancesco Favino torna su Rai 1

L’attore italiano Pierfrancesco Favino quest’anno partecipa a La festa di Natale su Rai 1 “Una serata per Telethon” condotto da Antonella Clerici e che, in perfetta continuazione di quella che ormai è una tradizione di Rai 1, raccoglierà i fondi per i bambini affetti da gravi malattie. Favino sarà un ambasciatore di Telethon in questo ruolo partecipa al programma. Saranno numerosi i protagonisti che vedremo alternarsi sul palcoscenico con l’attore che ha già dimostrato a Sanremo di avere grandissima verve pure da conduttore. Un artista completo che il pubblico ama e che sempre più vediamo presente anche sul piccolo schermo oltre che sul cinema.

Pierfrancesco Favino, il ruolo da sex symbol

Pierfrancesco Favino a fine novembre ha concesso un’intervista a Vanity Fair in cui ha detto diverse cose sulla sua carriera e sul suo nuovo ruolo di sex symbol. Ultimamente l’attore italiano sta lavorando su set nazionali e internazionali. In particolare, ha detto che nonostante apprezzi l’opportunità di lavorare con Ron Howard o Tom Hanks non può non dire che i rapporti che si creano sui set del nostro Paese sono di tipo familiare mentre all’estero c’è maggiore distacco. Un altro argomento di cui ha parlato è il suo aspetto. Ha da poco superato i 50 anni e molti l’hanno definito un vero e proprio sex symbol. A questo commento Favino ha risposto dicendo che probabilmente a 60 anni sarà ancora più bello. Il prossimo progetto cinematografico di Pier Francesco Favino sarà un film molto impegnativo incentrato sugli ultimi sei mesi di vita dell’ex segretario del Partito Socialista italiano, Craxi una figura importantissima nella storia socio-politica italiana. Il film con un regista calabrese d’eccezione sembra essere molto promettente e le prime immagini diffuse hanno destato scalpore tra il pubblico in sala grazie a una grandissima somiglianza tra Favino e Craxi. Il 9 gennaio dell’anno prossimo uscirà questo film di cui Favino è il protagonista assoluto, Hammamet. All’inizio del 2020 sarà nelle sale anche con il film Gli Anni più Belli di Gabriele Muccino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA