Annalisa Minetti “Torno a vedere e leggere dopo la malattia”/ Haters “finta non vedente” è polemica

- Hedda Hopper

Annalisa Minetti “Torno a vedere e leggere”, scoppia la polemica sul suo dispositivo ma oggi a Domenica Live spiegherà tutto

annalisa minetti domenica live 640x300
Annalisa Minetti, Domenica Live

Grazie ad una speciale tecnologia israeliana, Annalisa Minetti potrà tornare autonoma e anche a ‘vedere’, almeno in teoria. Oggi la cantante sarà ospite di Domenica Live proprio per spiegare al pubblico quello che succederà nei prossimi giorni e quale futuro l’attende. Proprio a Ilgiornale.it Annalisa Minetti ha spiegato che si sa preparando per le Paralimpiadi di Tokyo e che presto avrà l’occasione di usufruire di questo piccolo strumento che inserito sugli occhiali potrà leggere e riconoscere i volti al posto suo. Ospite di Barbara d’Urso, la cantante proverà a spiegare che non si tratta di un miracolo e che non tornerà a vedere nel senso canonico del termine visto che si tratta di un dispositivo che le permetterà di percepire le immagini “che vengono riproposte nell’orecchio attraverso un auricolare bluetooth”.

Annalisa Minetti “Torno a vedere e leggere”, la rivelazione a Domenica Live

Anche se il dispositivo non le permetterà di riacquistare la vista, Annalisa Minetti potrà essere molto più autonoma di quanto non sia già visto che la aiuterà a poter fare cose che adesso non può come leggere le etichette dei prodotti che compra al supermercato oppure riconoscere i volti come quello del marito o della sua adorata figlia appena loro si avvicinano. Naturalmente non si potrà non tornare sul fatto che proprio Annalisa Minetti finisce spesso nell’occhio del ciclone per via di quelli che sono gli haters che continuano ad accusarla di essere quasi una “finta non vedente” per quello che riesce a fare nella sua vita e lei proprio a loro risponde: “Dal momento che mi hanno diagnosticato la malattia, mi sono detta che non dovevo lasciarmi condizionare. Lì ho capito la forza che avevo, e il mio desiderio di essere e non soltanto di esistere. Invito tutte queste persone a seguire il mio programma, dove ci sono tanti esperti che potrebbero seguirle e aiutarle a canalizzare positivamente la loro rabbia”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA