Arisa contro Mara Maionchi/ “La Notte brano per depressi? Non ti puoi permettere…”

- Valentina Gambino

Arisa VS Mara Maionchi, ecco cosa è successo dopo un giudizio della giudice di X Factor.

Arisa (ph. Debby Gram)
Arisa, (ph. Debby Gram)

Arisa si è arrabbiata con Mara Maionchi. L’attuale giudice di X Factor, ha fatto un clamoroso scivolone lo scorso giovedì sera, considerando “La notte” una canzone per cantanti depresse. Il brano, arrivato secondo a Sanremo 2012 dietro “Non è l’inferno” di Emma, è sempre stato considerato uno dei brani più belli e introspettivi della discografia italiana degli ultimi anni e su questo, non ci piove. La Maionchi però, ha voluto dare un suo giudizio troppo “crudo” che non è andato già a Rosalba. Ecco le precise parole dell’artista: “Mara Maionchi ha detto: ‘La Notte, una canzone perfetta per una donna depressa’. Siamo tutti depressi allora, visto che è una canzone che vive nel cuore di tutti. Non è detto che le persone di una certa età possano permettersi di dire quello che vogliono solo perché hanno un microfono davanti. La Notte è una canzone che analizza il dolore e lo sconfigge attraverso una nitida speranza: ‘La vita continuerà’”.

Arisa VS Mara Maionchi, ecco cosa è successo

Arisa ha poi aggiunto: “Io, noi, non siamo depressi. Siamo persone non superficiali. Il dolore a volte è necessario per crescere e apprezzare di più la gioia. Questi commenti non me li aspetto da te. Sei una madre, e io potrei essere tua figlia. Datti una regolata, e fai attenzione ai testi delle canzoni prima di parlarne. Buon lavoro. E grazie sempre per il disturbo, mio”. Mara Maionchi replicherà alla ex collega di talent? Il testo de La Notte è stato scritto da Giuseppe Anastasi, ex fidanzato di Arisa. Proprio la cantante, durante una intervista per il Quotidiano del Sud nel 2012, ha parlato della canzone: “E’ un brano che davvero mi riguarda molto. Parla tanto di una parte di me che nessuno conosce, la parte un po’ più triste, quando arriva la notte è resto sola. È un brano che parla di una donna che cerca di razionalizzare il proprio dolore attraverso la scrittura e dopo un lungo periodo di riflessione capisce che c’è una speranza, “l’amore ci ha separato la vita continuerà””.



© RIPRODUZIONE RISERVATA