Baby sitter getta bimbo dal balcone/ L’avvocato: “Il suo gesto non era premeditato”

- Davide Giancristofaro Alberti

La baby sitter che ha lanciato il bimbo di 13 mesi dal balcone, tutti gli aggiornamenti su questa vicenda drammatica a Mattino5

baby sitter 640x300
L'avvocato della baby sitter che ha gettato il bimbo dal balcone a Mattino5

A Mattino5 tutti gli aggiornamenti in merito alla baby sitter 32enne di Modena che ha gettato dal balcone il bimbo di 13 mesi che stava curando. Il programma di Canale 5 ha intervistato l’avvocato della babysitter, Francesca Neri: “La signora Santi ha raccontato di essersi recata al lavoro il giorno 31, regolarmente, poi improvvisamente ha accusato un malessere interiore che era sempre più forte, le faceva venire meno il fiato, ha definito che le sembrava di essere in uno stato di catalessi. Dopo questo forte malore, si trovava al secondo piano, ha lanciato dalla camera da letto dei genitori il bimbo dalla finestra. Non è stata in grado di dare una giustificazione a questo gesto, ha detto che si trovava in una realtà che non le apparteneva e che non sapeva cosa stesse accadendo”.

“Ha detto – ha continuato – che il suo gesto non era di premeditazione, era affezionata al bimbo, si trovava bene con i genitori del bimbo, inizialmente svolgeva un lavoro part time poi da febbraio si è trasformato in un lavoro a tempo pieno, 8 ore col bimbo”. Federica Panicucci ha quindi chiesto se vi fossero state delle avvisaglie: “No, assolutamente no – replica Francesca Neri, l’avvocato – ha raccontato di aver avuto una forte delusione di carattere lavorativo a giugno 2021 quando si è licenziata da una ditta di Carpi. La ragazza è laureata in economia e commercio e svolgeva attività di segretaria amministrativa più attinente alla sua formazione professionale, ha avuto delusioni lavorative. Io ripeto quello che mi è stato riferito”.

BABY SITTER GETTA BIMBO DAL BALCONE, L’AVVOCATO: “UNA DELUSIONE LAVORATIVA”

“Dopo questa delusione lavorativa – ha continuato il legale della baby sitter – ha deciso di prendersi un periodo di vacanza ed è andata a Nizza e lì ha iniziato a fare la baby sitter”. Sul fatto che ha detto che il bimbo era libero, come spiegato dalla babysitter dopo averlo lanciato dal balcone: “Non ha dato una giustificazione, forse era una richiesta d’aiuto, aveva perso il raziocinio e questa affermazione deve essere valutata alla luce del blackout che stava vivendo”. E ancora: “Mi ha sempre chiesto delle condizioni del bimbo, è una ragazza provata”.

Cecilia Dardana, l’inviata di Mattino5 ha aggiunto: “Le condizioni di salute del bimbo stanno migliorando, ottima notizia, ieri è stata estubato, respira da sola ed è fuori pericolo di vita. E’ una notizia che aspettava anche Monica Santi (la babysitter ndr), che più volte ha chiesto di lui. E’ stato lanciato da circa 6 metri e la botta è stata molto forte, ora sta meglio e questa è un’ottima notizia”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA