Bambina 6 mesi intubata per Covid: d’urgenza a Roma/ Genitori positivi (e vaccinati)

- Silvana Palazzo

Cosenza, bambina di 6 mesi intubata per Covid: trasportata d’urgenza al Bambin Gesù di Roma. I genitori, positivi e vaccinati, sono in isolamento

ugo fuoco
Terapia intensiva reparto Covid (LaPresse, 2021)

Una bambina di sei mesi è in gravi condizioni per Covid. La piccola è stata inizialmente ricoverata all’ospedale Annunziata di Cosenza, presso il reparto di neonatologia e terapia intensiva pediatrica guidato dal dottor Gianfranco Scarpelli. La piccola, originaria di Casali del Manco, ha un quadro clinico complesso ed è stata intubata. Stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, ha una polmonite interstiziale che ha compromesso il 50% dei polmoni. I medici hanno preferito la ventilazione non invasiva fino alla giornata di ieri, poi hanno deciso di intubare per cercare di risolvere il problema.

Anche i genitori e i familiari stretti, tutti vaccinati, sono positivi al Covid e in isolamento. Nella tarda serata di ieri si è deciso di trasferirla a Roma presso il Bambin Gesù, a causa delle sue gravi condizioni. Alle 23:20 un volo sanitario urgente a bordo di un C-130J della 46^ Brigata Aerea dell’Aeronautica Militare ha trasportato dall’aeroporto di Lamezia Terme a quello di Campino la bambina.

Da Cosenza a Roma con volo militare d’urgenza

Intubata e costantemente assistita dai medici specializzati, la bambina di 6 mesi è stata imbarcata sull’aereo da trasporto all’interno di un’ambulanza. Quando il velivolo militare è atterrato a Ciampino la piccola paziente è stata subito trasportata in ambulanza all’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma.

La richiesta di trasporto sanitario di urgenza è stata formulata dalla Prefettura di Cosenza e fatta pervenire alla Sala Situazioni di Vertice del Comando Squadra Aerea, che ha attivato immediatamente le procedure previste per l’organizzazione dell’equipaggio della 46^ Brigata Aerea di Pisa, sempre pronti dal punto di vista operativo per questo genere di missioni. Ora la speranza è che le condizioni della bambina di 6 mesi possano migliorare e che i genitori – attualmente in isolamento – possano riabbracciarla al più presto, ma si attendono aggiornamenti in merito alle condizioni della piccola.



© RIPRODUZIONE RISERVATA