Barry Seal, la storia vera/ Spia sotto copertura e contrabbandiere di droga

- Emanuele Ambrosio

Barry Seal, la storia vera: una carriera di spia sotto copertura e di trafficante di cocaina nei viaggi di ritorno verso gli Stati Uniti d’America

Barry Seal, storia vera

la storia vera Barry Seal

Barry Seal, la storia vera del personaggio raccontato nel film “Barry Seal – Una storia americana” con protagonista Tom Cruise. Si tratta di pilota diventato noto per i suoi traffici come contrabbandiere di droga e armi, ma anche come spia e per le sue abilità di doppiogiochista. Sulla fine degli anni ’70 e ’80, Barry Seal lavora come pilota per la TWA, ma fa dei lavoretti “sporchi” portando alcuni carichi speciali. La CIA si rende conto di questo losco giro e gli propone di metter su una attività di facciata. Seal ha il compito di sorvolare le basi comuniste in centro e sud America, ma anche di fotografare tutto quello che vede. L’uomo accetta ben volentieri l’incarico diventando una spia sotto copertura per la Cia. Durante la sua “carriera” conosce anche i trafficanti di droga sud americani e comincia con loro una collaborazione di contrabbando di cocaina durante i viaggi di ritorno dagli Stati Uniti d’America. In pochissimo tempo Seal diventa uno dei uomini più ricchi e più ricercati d’America.

Chi è Barry Seal, pilota e contrabbandiere

Nato nella Louisiana, Barry Seal comincia a lavorare giovanissimo mostrando delle grandissime capacità come istruttore di volo. Proprio questo suo talento lo porta ad entrare prima alla Louisiana Army National Guard e poi alla Trans World Airlines. Il suo talento lo portano a diventare uno dei più giovani  piloti, ma pochi anni dopo viene licenziato essendo coinvolto in un traffico di esplosivo con il Messico. Successivamente comincia a lavorare nel contrabbandando della droga: prima marijuana e poi cocaina che rende molto di più. Nel 1979 è arrestato in Honduras dopo che stava rientrando dal trasporto di cocaina nell’Ecuador. L’anno dopo viene liberato, ma continua ad operare nel contrabbando di droga collaborando con il cartello di Medellín. Qualche anno dopo viene nuovamente arrestato con l’accusa di riciclaggio di denaro sporco e di traffico di Quaalude. Condannato a 10 anni, Barry decide di collaborare con la DEA parlando del coinvolgimento della CIA nelle varie attività illecite.



© RIPRODUZIONE RISERVATA