Bce ‘contro’ Ue: “ok Coronabond”/ Lagarde “crisi diversa da 2008”, Gentiloni ”intesa”

- Niccolò Magnani

Bce “contro” la Commissione Ue “ok ai coronabond, questa è crisi diversa dal 2008”: Gentiloni fa da collante “intesa si può trovare”. Ma il Mes..

Gentiloni e Bce
Eurogruppo, Christine Lagarde, Paolo Gentiloni e Olaf Scholz (LaPresse, 2020)
Pubblicità

La crisi economica e politica prodotta dal coronavirus stringe sempre più nella morsa l’Unione Europea e l’intero occidente: per questo motivo dalla Bce si vedono segnali di forte apertura per gli eurobond (o cosiddetti “coronabond”) proposti da Italia, Spagna e altri 7 Paesi Ue per “condividere” il debito che si sta creando per la massima emergenza della pandemia. «Sono a favore dei coronabond» e a dirlo è il vicepresidente della Bce Luis de Guindos in un’intervista alla Radio spagnola Cope; «si tratta di una pandemia che avrà ripercussioni su tutti» ribadisce il vice-Lagarde spiegando che la crisi generata dal coronavirus sia del tutto diversa da quelle del 2008-2009-2010 (e quindi necessiti provvedimenti diversi da quelle stesse).

Stamane sulla Rai il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha ammesso che la “trattativa” in corso tra Ue e Italia – dopo le parole della Presidente Commissione Europea Von der Leyen avevano di fatto bocciato su tutta la linea gli eurobond a favore dell’utilizzo del Mes (Fondo Salva Stati) – è in corso ma tutt’altro che semplice: «se Roma alza la voce non è perché siamo antieuropeisti o per arroganza: L’Italia non ha colpa di questa pandemia, e deve poter spendere tutto ciò che è necessario per aiutare il suo popolo».

Pubblicità

BCE VERSO L’OK AI CORONABOND, IL PUNTO DI GENTILONI

Con la Bce che di fatto “smentisce” la stessa Von der Leyen ipotizzando di intervenire a breve con il varo degli eurobond – dopo il sostanziale fallimento del Consiglio Ue della scorsa settimana – ad intervenire per far da mediatore è il Commissario agli Affari Economici Paolo Gentiloni: «Se capovolgiamo la discussione da Mes e Coronabond sugli obiettivi e come finanziarli sono positivo che la strada per trovare un’intesa si può trovare» spiega nell’intervista odierna a Radio Capital l’ex Premier Pd, «la divisione in Ue può essere superata se partiamo dagli obiettivi comuni che dobbiamo finanziare. Sono fiducioso che una via di condivisione si possa trovare e penso che bisogna farlo inevitabilmente in un dialogo con la Germania senza di cui non riusciamo a trovare un compromesso».

Pubblicità

Se da un lato Gentiloni avverte che l’emissione di bond genericamente per mutualizzare il debito «non verrà mai accettata», dall’altro bisogna trovare una “missione” con cui indirizzare i medesimi coronabond: «può essere quella di finanziare gli obiettivi comuni come affrontare l’emergenza sanitaria, creare un nuovo strumento di garanzia per la disoccupazione e un piano per il sostegno alle imprese». Il ruolo di mediatore però “impone” di tenere aperta anche l’altra opzione, ovvero quella rifiutata dall’Italia e dalla Spagna: «Il Mes non è la Spectre, è uno strumento condiviso, la discussione è sulle condizionalità, e si parla di alleggerirle ma non sono molto ottimista nemmeno su questa, perciò meglio spostare la discussione su quali obiettivi finanziare e poi decidere come».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità