BCE E POLITICA/ Lo “smarcamento” dalla Fed che servirebbe all’Europa

- Giuseppe Pennisi

Non è saggio pensare a una politica monetaria europea che segua pedissequamente quella Usa. Servirebbe, semmai, un coordinamento tra le due

Lagarde, Bce Christine Lagarde, Presidente Bce (LaPresse, 2023)

Venerdì sera le autorità di regolazione della politica monetaria americane hanno chiuso la Silicon Valley Bank (SVB), istituto di venture capital focalizzato sulla tecnologia e le valute digitali.

La Federal Deposit Insurance Corporation ha preso il controllo dei depositi di 175 miliardi di dollari di SVB e ha detto che i depositanti assicurati avrebbero avuto accesso ai loro soldi lunedì. La 16a banca più grande d’America, dopo aver visto i suoi depositi ridursi durante l’inverno, non era riuscita a raccogliere abbastanza denaro per rimanere a galla. L’S&P 500 è sceso dell’1,5% venerdì per chiudere la sua peggiore settimana da settembre.

Sempre venerdì sera, tuttavia, nuovi dati hanno rivelato che l’economia Usa ha aggiunto circa 200.000 nuovi posti di lavoro a febbraio, oltre a quasi 25 milioni aggiunti dai licenziamenti di massa all’inizio della pandemia di Covid nel 2020. Questo ha aiutato i lavoratori. Con il tasso di disoccupazione ora al 3,4%, il più basso degli ultimi cinquant’anni, i salari nominali sono aumentati rapidamente.  Ma per le banche centrali questo è un mal di testa. Senza un certo raffreddamento del mercato del lavoro sarà difficile per loro contenere l’inflazione. Se i dati sull’occupazione per febbraio supereranno le aspettative, probabilmente alimenteranno le previsioni che la Federal Reserve proporrà un nuovo un aumento dei tassi di interesse quando si riunirà la settimana prossima. Al contrario, l’evidenza di una creazione di posti di lavoro più lenta e di una decelerazione della crescita dei salari avrebbe contribuito ad alleviare le preoccupazioni per il surriscaldamento economico. Preoccupazioni analoghe ci sono nell’area dell’euro dove la Presidente della Banca centrale europea ha anticipato i tempi, annunciando nuovi aumenti dei tassi, tirandosi dietro non poche critiche da alcune Banche centrali nazionali.

“Gli ultimi dati economici sono stati più forti del previsto, il che suggerisce che il livello finale dei tassi di interesse sarà probabilmente più alto di quanto previsto in precedenza”, ha detto Powell nelle osservazioni preparate per due apparizioni questa settimana a Capitol Hill. “Se la totalità dei dati dovesse indicare che è giustificato un inasprimento più rapido, saremmo pronti ad aumentare il ritmo degli aumenti dei tassi”.

Tali osservazioni comportano due implicazioni: che il livello massimo, o terminale, del tasso sui fondi federali sarà probabilmente superiore alla precedente indicazione dei funzionari della Fed; che il passaggio del mese scorso a un quarto percentuale inferiore l’aumento del punto potrebbe essere di breve durata se i dati sull’inflazione continuano a restare “caldi”.

Nella loro stima di dicembre, i funzionari della Fed hanno ancorato il tasso terminale al 5,1%. L’attuale prezzo di mercato è aumentato dopo le osservazioni di Powell, in un intervallo compreso tra il 5,5% e il 5,75%, secondo i dati di CME Group. Powell non ha specificato quanto in alto pensa che alla fine andranno i tassi.

Gli indici di Borsa sono diminuiti bruscamente mentre i rendimenti dei buoni del Tesoro decennali sono aumentati dopo la pubblicazione delle osservazioni di Powell. Anche i prezzi di mercato hanno indicato nettamente una forte possibilità di un aumento del tasso di interesse di 0,5 punti percentuali durante le riunioni del Federal Open Market Committee del 21-22 marzo.

I dati di gennaio mostrano che l’inflazione misurata dai prezzi delle spese per consumi personali – la metrica preferita dai responsabili politici – era ancora al ritmo del 5,4% annuo. Questo è ben al di sopra dell’obiettivo a lungo termine del 2% della Fed. Powell ha detto che l’attuale tendenza mostra che la lotta contro l’inflazione della Fed non è finita, anche se ha notato che alcuni dei dati sull’inflazione di gennaio potrebbero essere il prodotto di un clima “insolitamente caldo”.”Abbiamo percorso molto terreno e gli effetti completi del nostro inasprimento finora devono ancora essere avvertiti. Anche così, abbiamo ancora del lavoro da fare”, ha detto, aggiungendo che la strada potrebbe essere “irregolare”.

Il Presidente ha affrontato alcune critiche da parte dei Democratici al Senato che hanno incolpato l’inflazione dell'”avidità delle imprese” e dell’aumento dei prezzi e hanno detto che la Fed dovrebbe riconsiderare i suoi aumenti dei tassi. La senatrice Elizabeth Warren, una frequente critica di Powell, ha affermato che gli obiettivi di inflazione della Fed lasceranno 2 milioni di persone senza lavoro.”Stiamo prendendo le uniche misure che abbiamo per abbassare l’inflazione”, ha detto Powell. “I lavoratori staranno meglio se ci allontaniamo dai nostri posti di lavoro se l’inflazione rimane al 5,6%?”.

La Fed ha alzato il suo tasso di riferimento otto volte nell’ultimo anno fino al suo attuale livello target tra il 4,5% e il 4,75%. A prima vista, il tasso sui fondi stabilisce ciò che le banche si prestano reciprocamente overnight. Ma alimenta una moltitudine di altri prodotti di debito al consumo come mutui, prestiti auto e carte di credito.

Nei giorni scorsi, alcuni funzionari, come il Presidente della Fed di Atlanta Raphael Bostic, hanno dichiarato di vedere presto terminare i rialzi dei tassi. Tuttavia, altri, tra cui il Governatore Christopher Waller, hanno espresso preoccupazione per i recenti dati sull’inflazione e affermano che è probabile che la politica restrittiva rimanga in vigore.

“Il ripristino della stabilità dei prezzi richiederà probabilmente il mantenimento di un orientamento restrittivo della politica monetaria per un po’ di tempo”, ha affermato Powell. “Il record storico mette fortemente in guardia contro un allentamento prematuro della politica. Manterremo la rotta fino a quando il lavoro non sarà terminato”.

Powell ha notato alcuni progressi sull’inflazione per aree come l’edilizia abitativa. Tuttavia, ha anche osservato che “ci sono pochi segni di disinflazione” quando si tratta dell’importante categoria della spesa per servizi, esclusi alloggi, cibo ed energia.

I mercati per lo più si aspettavano che la Fed attuasse un secondo quarto di punto consecutivo di aumento dei tassi alla riunione del Federal Open Market Committee la prossima settimana. Tuttavia, secondo le parole di Powell, i mercati hanno prezzato una probabilità del 69% di un aumento di mezzo punto maggiore alla riunione di marzo, secondo i dati del CME Group. Powell ha ribadito che le decisioni sui tassi saranno prese “incontro dopo incontro” e dipenderanno dai dati e dal loro impatto sull’inflazione e sull’attività economica, piuttosto che da un corso prestabilito.

Cosa vuol dire tutto ciò per l’Eurozona in generale e per l’Italia in particolare? È difficile concepire una politica monetaria per l’Eurozona che sia sganciata da quella americana, se non altro a ragione dell’integrazione già molto in corso dei mercati dei capitali. Non è, però, neanche saggio pensare a una politica monetaria “europea” che segua pedissequamente quella Usa. Sarebbe appropriato iniziare trattative per politiche monetarie coordinate e convergenti anche se non uniformi. Ce la farà la Bce?

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Fed & Dollaro

Ultime notizie