Beppe Convertini piange a Storie Italiane/ “Mio padre è morto ma non l’ho mai perso”

- Hedda Hopper

Beppe Convertini svela la parte più sensibile e impegnata di sè e si lascia andare alle lacrime quando parla della sua famiglia e del suo defunto padre

beppe convertini storie italiane
Beppe Convertini a Storie Italiane

Beppe Convertini è uno degli ospiti del giorno di quest’ultima puntata di Storie Italiane e da lunedì si prepara a condurre proprio il contenitori estivo di Rai1. Eleonora Daniele lo annuncia ma poi rimanda il discorso alla fine e adesso con lui prova a parlare della sua vita, di quando era giovane e piccolo e, forse, sognava davvero di fare il conduttore un giorno. Beppe Convertini è stato spesso ospite nel programma di Eleonora Daniele ma oggi si racconta in un modo nuovo e speciale mettendo da parte il suo nuovo ruolo da conduttore, in barba alle polemiche, e parlando del suo attaccamento alle radici. Nelle foto che il programma ha messo insieme per lui c’è spazio per la cosa più preziosa, la sua famiglia, e questo lo commuove e non poco tant’è che a stento trattiene le lacrime: “Meraviglioso è una canzone che è un inno alla vita, è importante nella sua vita, e in queste immagini rivedo tutte le persone che amo, la vita vera, quelli che mi sono stati accanto ogni giorno della mia vita”.

LE LACRIME DI BEPPE CONVERTINI

Beppe Convertini lascia scendere le lacrime e poi pensa alla sua famiglia, alla sua Puglia che ha lasciato ormai trent’anni fa “tanti anni” senza le persone che ami e che “vorresti accanto ogni giorno della tua vita”. Il racconto poi si fa più intenso parlando proprio dell’amato padre che ha perso a 17 anni per un tumore ai polmoni: “Mia madre è stata una donna straordinaria. Mi ha fatto da padre e da madre, lei è la mia vita, è riuscita ad essere da donna e da mamma, una persona attenta, che ha voluto sempre il bene dei suoi figli facendo si che le loro scelte fossero solo loro. Io la amo profondamente, non avrei potuto desiderare una madre migliore. Non speravo di averla fino a questa età. Papà ha subito come tanti questo male che l’ha portato via. Mio padre era un omone, mamma l’ha curato 24 ore al giorno e proprio guardando chi si prendeva cura di lui mi sono dedicato al prossimo“. Beppe Convertini è sicuro che non si perdono mai le persone a noi care, bisogna onorarli e amarli i defunti e lui lo fa quando torna in Puglia. Eleonora Daniele poi gli chiede di fare una domanda a suo padre: “Vorrei sapere se mio padre è fiero di me, se sono mai stato all’altezza, bravo come lui. Mi sono molto dedicato alla mia famiglia oltre che lavorare e studiare“. Beppe Convertini è pronto adesso ad andare avanti lanciando il suo programma al via da lunedì pomeriggio La Vita in Diretta Estate.



© RIPRODUZIONE RISERVATA