BIBITE DOLCI E TUMORI: ESISTE LEGAME/ Lo studio: “Occhio anche ai succhi di frutta”

- Dario D'Angelo

Le bibite zuccherate, succhi di frutta compresi, possono aumentare il rischio di sviluppare tumori. Lo dice un nuovo condotto su oltre 100mila persone.

succhi frutta supermercato 2019 lapresse
Foto LaPresse -Tiziano Manzoni 26/09/2017 Bergamo, ItaliaCronaca Sopralluogo nuova Esselunga Celadina Photo LaPresse -Tiziano Manzoni 26/09/2017 Bergamo, ItalyNewsNew Esselunga Store opening

Occhio a non esagerare con le bibite dolci, succhi di frutta compresi: un eccessivo consumo delle bevande zuccherate è infatti correlato ad un aumento del rischio di sviluppare dei tumori. Lo ha evidenziato un ampio studio francese (NutriNet-Santé), pubblicato sul British Medical Journal, condotto su 101.257 adulti francesi, per il 79 per cento donne, che nell’arco di circa un decennio hanno risposto a domande mirate ad indagare le loro abitudini alimentari. Le conclusioni degli autori lasciano poco spazio ai dubbi:”Il consumo di bibite zuccherate (come quelle a base di cola, limonate, energy drink, eccetera) è cresciuto moltissimo negli ultimi decenni e sono già state collegate a maggiori probabilità di sviluppare sovrappeso e obesità, un grande fattore di rischio per l’insorgenza di un tumore. È inoltre stata ben documentata la relazione tra questi drink e diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari. Questo studio aggiunge un dato nuovo: bere bevande zuccherate, inclusi i succhi di frutta 100%, è associato anche a un maggiore rischio di cancro”.

BIBITE DOLCI E TUMORE: ESISTE LEGAME

Lo studio che ha messo in relazione il consumo di bevande zuccherate e lo sviluppo del cancro non deve suscitare facili e ingiustificati allarmismi. Lo ha spiegato a “Il Corriere della Sera” Paolo Pedrazzoli, direttore dell’Oncologia al Policlinico San Matteo di Pavia ed esperto di nutrizione in oncologia:”Come sempre quando si parla di alimentazione è importante la moderazione. Con la giusta alimentazione si può prevenire almeno il 30 per cento delle neoplasie, ma non esistono alimenti che in assoluto fanno bene o fanno male. Le variabili in gioco sono moltissime e ciascuna deve essere presa in considerazione prima di arrivare al giudizio finale. Certo è che gli eccessi, come in tutte le cose, sono nocivi. Questo non significa però che nessuno debba più bere un succo di frutta o una bibita zuccherina: quello che conta, per restare in salute, è l’equilibrio”. Un concetto ribadito da Mathilde Touvier, coordinatrice principale della ricerca francese, del Nutritional Epidemiology Research Team all’Università Sorbonne di Parigi:”Un bicchiere ogni tanto non è certo un problema, la raccomandazione di diverse agenzie di pubblica sanità è di consumare meno di un drink zuccherino al giorno. Le complicazioni arrivano per chi è abituato a un bicchiere quotidiano, che può far crescere il rischio di malattie cardiometaboliche e di cancro. E la vera novità è che non emergono grandi differenze fra le varie bevande e i succhi di frutta”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA