Bill Gates contro i tamponi anticovid/ “Totalmente inutili, risultati arrivano tardi”

- Davide Giancristofaro Alberti

Bill Gates definisce i tamponi anti coronavirus dei test “totalmente inutili” e uno “spreco di tempo”. Tutta colpa dei risultati tardivi…

Bill Gates
Bill Gates, 64 anni, fondatore di Microsoft (Foto LaPresse)

Secondo Bill Gates i tamponi contro il coronavirus sono totalmente inutili. Il fondatore di Microsoft, miliardario e filantropo, ha infatti definito uno “spreco” di tempo i vari test, intervistato dai microfoni di CNBC. Il motivo di tali affermazioni, che a molti potrebbero sembrare campate in aria, va ricercato nel fatto che i risultati degli stessi test arrivino troppo tardi. “Tutti questi numeri sui test – le parole dell’uomo più ricco al mondo – rappresentano per la maggior parte uno spreco totale, ed è folle dover pagare per un esame che fornisce i risultati anche a distanza di una settimana”. Secondo Gates i test sarebbero utili nel momento in cui il risultato sarebbe immediato, nel giro di poche ore, ma se giungono dopo tre giorni, se non addirittura una settimana, l’esito è probabilmente compromesso, in quanto in quel lasso di tempo non è da escludere che una persona possa aver infettato gli altri. “Bisogna dare una priorità – ha aggiunto – bisogna assicurarsi che le comunità più povere, maggiormente esposte al rischio, ottengano i risultati nell’arco di 24 ore”, così come sarebbe necessario che l’isolamento della persona infetta avvenga in tempi brevissimi ha aggiunto.

BILL GATES, 100 MILIONI DI DOLLARI DONATI PER IL VACCINO

“Un altro elemento che ha a che fare con questa follia – ha proseguito Gates ribadendo il concetto già espresso – è che non si dovrebbe rimborsare qualcuno per un test che impiega più di 48 ore a fornire i risultati”. Sono molti quelli convinti che dei test poco celeri sono associabili alla situazione drammatica che stanno vivendo gli Stati Uniti, dove dallo scorso febbraio si sono verificati 4.2 milioni di casi, e dove nelle ultime 72 ore sono morte quasi 4.000 persone, con almeno 200.000 nuovi infetti. Gates non ha lesinato dure critiche durante la pandemia di coronavirus in corso, ed è uno dei massimi finanziatori al mondo del vaccino. La sua Fondazione, la Bill and Melinda Gates Foundation, ha infatti donato ben 100 milioni di dollari alla ricerca, con la speranza che si possa giungere ad una “cura” definitiva in tempi brevi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA