Blues to Bop/ Quattro giorni in Svizzera per riscoprire le radici dell’America

- Walter Muto

Da domani 29 agosto a domenica 1 settembre grande musica blues dal vivo a Lugano ecco di cosa si tratta

blues lugano
Festival blues a Lugano

Non c’è molto tempo per decidere. Sì, perché se qualcuno volesse fare un’immersione nella musica americana delle radici e su alcuni dei suoi attuali atterraggi, da domani, Giovedì 29 agosto a Domenica 1 settembre ne può trovare un ottimo campionario al Festival Blues To Bop, giunto alla sua trentunesima edizione. E dove dobbiamo andare? – vi starete chiedendo, visto che sento fin da qui l’urlo della vostra domanda. Semplice: a Lugano, dove fra Piazza della Riforma, Piazza San Rocco e Piazza Cioccaro avrà luogo un tourbillon di concerti dedicati principalmente al blues, ma non solo. Alla Darsena del Parco Ciani si svolgeranno invece diversi momenti di approfondimento e a Morcote domenica sera una serata live a concludere il Festival, nella suggestiva cornice di Piazza Granda.

Indispensabile consultare il PROGRAMMA UFFICIALE per orientarsi in mezzo alla ricchezza di eventi e possibilità. Ricordiamo subito che i concerti sono tutti gratuiti. Gli artisti suonano più volte nell’arco dei quattro giorni, alternandosi su luoghi e orari differenti, anche per consentire un’ampia scelta al pubblico. Pur provenendo gli artisti per la maggior parte – com’è ovvio – dagli Stati Uniti d’America, è tuttavia presente una piccola rappresentanza più vicina alle nostre latitudini, la britannica Judith Emeline, la band del bellinzonese Freddie “Cannonball” Albertoni e i milanesi Max & Veronica, accompagnati al contrabbasso in questa occasione da CekkaLou, all’anagrafe Alessandra Cecala.

Estraiamo dal comunicato stampa alcune sintetiche notizie sugli artisti. “Un’edizione fortemente declinata al femminile e che darà largo spazio alla nuova generazione americana con talenti come Leyla McCalla, Vanessa Collier, Jamiah Rogers, Jontavious Willis e Hubby Jenkins, che a dispetto della giovanissima età sfoggiano un repertorio profondo, intenso, che scandaglia tutta l’intensità e l’emozione della musica roots statunitense, curando e continuando la tradizione centenaria del blues. Ad affondare le proprie radici nella moltitudine di sfaccettature del genere ci penseranno anche artisti affermati come i Birds of Chicago, le Como Mamas con il loro gospel viscerale, nonché Sleepy LaBeef, uno degli ultimi musicisti viventi della leggendaria Sun Records, che fa il suo ritorno a Blues to Bop a distanza di anni”.

Maggiori approfondimenti sugli artisti disponibili nel sito dedicato all’evento http://www.bluestobop.ch/ .

Un’annotazione finale: chi dobbiamo ringraziare per questa pregevole iniziativa? Il Dicastero cultura, sport ed eventi, ed in particolare la Divisione Eventi e Congressi del Comune di Lugano, da lungo tempo sensibile e fautore di una serie numerosa di eventi culturali e musicali. In particolare, il programma di questa edizione è frutto del lavoro congiunto di Ed Bersier, profondo conoscitore del mondo della musica blues e collaboratore storico di Blues to Bop, e di Filippo Corbella, programmatore della Divisione eventi e congressi. Alla line-up di artisti annunciata in questa occasione si affiancheranno una serie di appuntamenti formativi e di attività collaterali, come si può osservare dal programma, ricco oltre che di concerti anche, per l’appunto di “Schools”, scuole mattutine e pomeridiane di incontro con gli artisti presenti. Buona musica a tutti!

© RIPRODUZIONE RISERVATA