Boban cacciato dal Milan?/ Forti critiche a Gazidis: meeting a breve, addio possibile

- Claudio Franceschini

Boban cacciato dal Milan? Il Chief Football Officer dei rossoneri potrebbe essere allontanato da Ivan Gazidis dopo le critiche rivolte all’AD rossonero in merito ai contatti con Rangnick.

Maldini Calhanoglu Boban lapresse 2020
Zvonimir Boban con Paolo Maldini e Hakan Calhanoglu (Foto LaPresse)

La carriera di Zvonimir Boban come Chief Football Officer del Milan potrebbe già essere conclusa: stando a quanto riporta Ansa, a breve il croato avrà un faccia a faccia con Ivan Gazidis che potrebbe allontanarlo dalla società rossonera. Non solo: a rischiare sarebbero anche Paolo Maldini, direttore tecnico che aveva preso il posto di Leonardo, e il direttore sportivo Frederic Massara. Insomma: un’altra potenziale rivoluzione nel mondo Milan che sembrava aver trovato una certa stabilità quantomeno nei risultati, e che invece adesso potrebbe trovarsi costretto a ripartire da zero. A scatenare l’ennesimo battibecco sono state le parole di Boban relative ai contatti che Gazidis ha preso con Ralf Rangnick, ex allenatore del Lipsia e oggi con un ruolo di prestigio all’interno del gruppo Red Bull: un uomo che il Milan sperava potesse mettere sotto contratto, ma che l’Amministratore Delegato ha contattato senza avvisare né Boban né Maldini, insomma la parte tecnica della società. “E’ stato un atto irrispettoso e inelegante” ha detto il croato, che da tempo conosciamo per non avere peli sulla lingua. “Abbiamo già parlato con Gazidis e per il bene del Milan è necessario che il meeting con la società avvenga al più presto”. Queste parole sono di sabato: l’incontro ci sarà, ma da esso ne potrebbe uscire una società rossonera nuovamente rivoluzionata.

BOBAN CACCIATO DAL MILAN? LE FRIZIONI

Boban dunque potrebbe essere cacciato dal Milan. Il croato non è certo stato criptico nelle sue ultime dichiarazioni, affermando con decisione che “la proprietà deve essere chiara nel budget e negli obiettivi”, e ha sintetizzato dicendo che la parte tecnica della società deve rispettare le esigenze di equilibrio economico ma la proprietà deve essere “rispettosa dei risultati sportivi affidati a chi rappresenta lo sforzo e i valori di un grande club”. Boban ha ricordato gli sforzi prodotti per arrivare a un bilancio accettabile, passati attraverso cessioni importanti e il rinforzamento della squadra sul calciomercato di gennaio, e detto molto chiaramente che “a oggi non sappiamo ancora che margine avremo”. Da una parte dunque regna ancora l’incertezza circa il potenziale rinnovo del contratto di Zlatan Ibrahimovic (questione che è sul tavolo), dall’altra la stoccata di Boban sembra anche nascondere (ma nemmeno troppo) una sorta di critica a Gazidis per aver messo in discussione il loro lavoro e il modo in cui Stefano Pioli ha migliorato il Milan sul campo, andando a contattare una figura di spessore come quella di Rangnick. Come andrà a finire non sappiamo, possiamo solo aspettare per scoprire se tra pochi giorni Maldini e Boban faranno ancora parte del Milan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA