Boccia denuncia “business su test sierologici”/ “No speculazione su pelle italiani”

- Carmine Massimo Balsamo

“Serve chiarezza sui test sierologici”: così il ministro Francesco Boccia sugli esami al via in Lombardia e Veneto. Le parole dell’esponente Pd.

boccia test sierologici
Francesco Boccia (Coffee Break)

Dopo aver chiesto chiarezza alla scienza, il ministro Francesco Boccia pone l’attenzione sui test sierologici. Intervenuto ai microfoni di Coffee Break, il titolare degli Affari regionali e delle Autonomie ha acceso i riflettori sugli esami che consentono di individuare la presenza di anticorpi al coronavirus nel sangue, già al via in alcune Regioni come Lombardia e Veneto. «Gli scienziati stanno facendo un lavoro straordinario, ma ci sono dei momenti in cui su alcune cose o si dice sì o si dice no», ha ribadito il ministro in quota Partito Democratico, che ha poi tenuto a precisare che «dietro i test sierologici c’è un business enorme». Boccia ha poi aggiunto: «Il ministro Speranza ha fatto una cosa molto seria e rigorosa, una circolare per la quale i test sierologici si fanno a fini di ricerca epidemiologica: se è così, se finiscono sul mercato e la gente è convinta di sapere se è negativa o positiva, sta accadendo o potrebbe accadere una cosa grave».

FRANCESCO BOCCIA: “BUSINESS SU TEST SIEROLOGICI”

Francesco Boccia ha poi nuovamente chiamato in causa le Regioni: «Se ci sono 5-6-7-8 Regioni che fanno test rapidi, per i quali però la scienza non ha detto che si ha la certezza al 100% di essere positivi o negativi, si stanno facendo delle cose che potrebbero comportare il caos quando la gente uscirà di casa». E dunque l’appello alla scienza: «Prima di decidere se un test rapido va sul mercato o un presidente di Regione lo mette in circolazione, io non posso che appellarmi alla comunità scientifica. Non ho chiesto certezze inconfutabili, ma il nodo vero è che in questa fase non dobbiamo essere ipocriti perché l’ipocrisia la paghiamo sul tempo: se i test rapidi non sono attendibili, dobbiamo dirlo. Se si fanno solo per la ricerca, dobbiamo dire che si fanno solo per la ricerca: a quel punto però non finiscono sul mercato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA