BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 26 GIUGNO 2022/ Dati Min. Salute: 48.456 casi, 44 morti

- Alessandro Nidi

Bollettino Coronavirus Italia, i dati del Ministero della Salute di oggi, domenica 26 giugno 2022: la situazione aggiornata circa la pandemia di Covid-19

carlo la vecchia
(LaPresse)

Nella prima parte del pomeriggio di oggi, domenica 26 giugno 2022, è stato diffuso il nuovo bollettino Coronavirus Italia, che, per mezzo dei dati raccolti e analizzati dal Ministero della Salute, consente di disporre del quadro della situazione puntuale e aggiornato circa l’evoluzione della pandemia di Covid-19 nel nostro Paese, a cominciare dai nuovi contagi del giorno e dalla pressione esercitata dai positivi sulle strutture ospedaliere. Stando al report odierno, sono stati 48.456 i nuovi contagiati, a fronte di 191.788 tamponi processati fra molecolari e antigenici, per un tasso di positività attestatosi al 25,3% e, dunque, in crescita del 3,4% rispetto a ieri.

Per quanto concerne i morti, essi sono stati 44, per un totale di 168.102 vittime dall’inizio dell’emergenza sanitaria connessa al SARS-CoV-2 sino ad oggi. I guariti, invece, sono stati 19.320 in appena ventiquattro ore. Infine, capitolo nosocomi: sono segnalati attualmente in crescita i ricoveri nelle terapie intensive (+2) e negli altri reparti ospedalieri (+190). (aggiornamento di Alessandro Nidi)

BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA, I DATI DI IERI

Nella giornata di oggi, domenica 26 giugno 2022, va in scena il nuovo bollettino Coronavirus Italia, che consta dei dati aggiornati circa la pandemia di Covid-19 e forniti dal Ministero della Salute. Anche in data odierna, dunque, disporremo di una fotografia precisa in riferimento all’evoluzione del quadro epidemiologico nel nostro Paese, a cominciare dal numero di contagi rilevati e dalla pressione esercitata sugli ospedali dai malati Covid. Nell’attesa di scoprire le statistiche odierne, diamo una lettura a quelle di 24 ore fa, quando nel nostro Paese sono stati registrati 56.386 contagiati su 258.456 tamponi processati fra molecolari e antigenici e con il tasso di positività che ha evidenziato un calo dell’1,6%, attestandosi al 21,8%.

Invece, i morti in totale sono 168.058, a fronte dei 40 decessi registrati ieri. 31.532, invece, sono stati i guariti. Per quanto concerne la situazione ospedaliera, sono 5.342 le persone ricoverate in aree mediche Covid (+137), mentre in terapia intensiva restano 225 i malati, ma con 28 ingressi giornalieri.

BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA, LE PAROLE DI ROBERTO SPERANZA

Nell’ambito di un’intervista concessa al quotidiano “La Repubblica”, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha parlato non solo di bollettino Coronavirus Italia, ma si è espresso anche sull’attuale situazione pandemica: “Si è gradualmente superato il grosso delle restrizioni e non sono all’ordine del giorno revisioni, la sfida è puntare sulla responsabilità dei singoli, ma chi è contagiato deve rimanere a casa – ha detto –. L’isolamento non si discute. Oggi in isolamento ci sono 650mila persone e non è immaginabile che se ne vadano in giro”.

La sfida ora è “puntare sulla responsabilità dei singoli. Le mascherine, ad esempio, in certi casi continuano ad essere raccomandate. Restano uno strumento molto utile e il superamento dell’obbligo non significa che sia venuta meno la loro importanza. Vanno usate in tutte le occasioni a rischio. L’attuale crescita della circolazione virale richiama ciascuno a fare attenzione. Conosciamo il virus e sappiamo cosa fare. Non dobbiamo scordare quello che abbiamo passato, la battaglia dura contro il virus. È naturale che le persone vogliano mettersi alle spalle una fase difficile ma non è giusto rimuovere. Quando la circolazione era molto ridotta, dicevo che non era finita e ora chiedo a tutti ancora una volta di essere prudenti”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA