BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 26 SETTEMBRE/ Ministero Salute: +44 morti e 3.099 casi

- Alessandro Nidi

Bollettino Coronavirus Italia, i dati del Ministero della Salute di oggi 26 settembre 2021: +44 morti e 3.099 casi, tasso di positività al Covid passa all’1,1 per cento

coronavirus microscopio 2020 lapresse 640x300
Coronavirus al microscopio (LaPresse)

Cresce leggermente rispetto a ieri il tasso di positività Covid in Italia. Si attesta all’1,1%, mostrando quindi una crescita dello 0,1 per cento, con il nuovo bollettino di oggi, domenica 26 settembre 2021, diffuso dal Ministero della Salute. Questo perché sono emersi 3.099 contagiati a fronte di 276.221 tamponi. Quindi, dall’inizio della pandemia di coronavirus in Italia sono stati certificati 4.660.314 casi nel complesso. Per quanto riguarda i deceduti, sono 44 i morti registrati nelle ultime 24 ore, 130.697 in totale. Passiamo ai guariti: nel bollettino finiscono altri 3.385 che portano il totale a 4.427.373. Di conseguenza, le persone attualmente positive al coronavirus sono 102.244, di cui 98.326 in isolamento domiciliare.

Per quanto riguarda la pressione ospedaliera, ad oggi risultano ricoverati in aree mediche Covid con sintomi 3.435 pazienti (-62 nel saldo tra entrate e uscite), mentre i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 483 (+2), di cui 22 ingressi giornalieri. Passiamo ora alla ripartizione dei casi per regioni, con la Sicilia che ne registra 422, mentre sono 340 in Emilia-Romagna, 316 in Veneto e 304 in Lombardia. (agg. di Silvana Palazzo)

CORONAVIRUS ITALIA: OGGI NUOVO BOLLETTINO

Si rinnova l’appuntamento quotidiano con il bollettino Coronavirus Italia anche oggi, domenica 26 settembre 2021, grazie ai dati raccolti dal Ministero della Salute che, attorno alle 17, consentiranno di disporre di un’istantanea aggiornata in merito all’andamento della pandemia nel nostro Paese, con particolare riferimento al tasso di contagiosità del virus SARS-CoV-2 e alla pressione esercitata sulla rete nosocomiale del nostro Paese.

Intanto, volgendo lo sguardo alle statistiche di ieri, si segnala il calo della positività (1%), dal momento che i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore sono stati 3.525, a fronte di 357.491 tamponi processati. Complessivamente, i casi di Coronavirus in Italia dall’inizio della pandemia sono 4.657.215. Per quanto riguarda invece i decessi, sono stati registrati 50 morti, per un totale che arriva a 130.653. I guariti sono 4.451, in totale 4.423.988. Le persone attualmente positive al Coronavirus sono 102.574, di cui 98.596 in isolamento domiciliare. I degenti ricoverati in aree mediche Covid sono 3.497 (-56), mentre in terapia intensiva ci sono 481 malati (-8), con 26 ingressi giornalieri.

CORONAVIRUS ITALIA: IL PUNTO SULLA TERZA DOSE

Per quanto concerne l’inoculazione della terza dose di vaccino a tutta la popolazione, “si deciderà in base all’andamento della curva epidemica nel Paese, dalla circolazione globale del virus e dalla durata dell’immunità sia naturale sia artificialmente acquisita con la vaccinazione nei vari strati di italiani”. A effettuare questa dichiarazione è stato il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), il professor Giorgio Palù, ai microfoni dei colleghi del “Corriere della Sera”.

L’esperto, componente anche del Comitato tecnico scientifico, ha altresì aggiunto che gli studi sul campo  stanno dimostrando che, dopo circa sei mesi, si assiste a un certo calo della risposta anticorpale e alla possibilità di infettarsi: “Ricordo però che gli attuali vaccini, allestiti contro un virus in circolazione ormai da due anni, sono ancora efficacissimi nel proteggerci dal Covid grave e dall’evento letale”. L’appello rinnovato, dunque, è quello di ricorrere alla vaccinazione con i preparati anti-Covid attualmente disponibili nel nostro Paese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA