CORONAVIRUS ITALIA, BOLLETTINO SALUTE 19 MAGGIO/ 108 morti, 30310 casi, -256 ricoveri

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 19 maggio 2022: i dati Covid in Italia nelle ultime 24 ore. 30.310 casi, il triplo sono invece i guariti (oltre 90mila), con 108 morti

Covid terapia intensiva
Coronavirus Italia, un reparto terapia intensiva (LaPresse, 2021)

Sempre più in calo il coronavirus in Italia anche nell’ultimo bollettino diffuso dal Ministero della Salute, datato 19 maggio 2022: nelle ultime 24 ore infatti i nuovi casi di contagio sono 30.310, con un tasso di positività che resta al 12,2% a fronte di 247.471 tamponi processati in tutto il Paese.

Sono 108 i morti positivi al tampone Covid, con un totale ufficiale dall’inizio della pandemia che si attesta a quota 165.738 decessi: sono invece il triplo dei contagi oggi i guariti-dimessi, ben 90.017 in 24 ore. Migliora anche il dato sui ricoveri negli ospedali italiani: sono infatti in tutto 7.020 i ricoverati con sintomi in area medica, ben 256 in meno rispetto al bollettino di ieri. Sono invece 308 i pazienti con sintomi in terapia intensiva, un calo di 10 unità in 24 ore. (agg. di Niccolò Magnani)

IL BOLLETTINO COVID DI IERI

Ecco il bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi, giovedì 19 maggio 2022, il report contenente tutti gli ultimi aggiornamenti sulla pandemia di covid in Italia. La curva epidemiologica non sta registrando segnali allarmanti questa settimana, con i contagi che stanno decrescendo o che restano stabili, e nel contempo, con gli ospedalizzati che non stanno registrando picchi verso l’alto. Un trend senza dubbio molto positivo che quasi sicuramente verrà confermato anche dal bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi. Nell’attesa, rivediamo la comunicazione di ieri, quando i contagiati sono stati in totale 30.408 a fronte di 264.273 tamponi processati fra antigenici rapidi e molecolari.

Il tasso di positività è stato pari al 11.5 per cento, mentre il numero di vittime ieri è stato pari a 165.639 per un totale da inizio pandemia pari a 136 decessi per covid. Negli ospedali, come detto sopra, la situazione resta tranquilla, visto che nei reparti di terapia intensiva vi sono 318 pazienti, mentre in area non critica il dato segna quota 7.276, per una doppia variazione rispetto alla giornata di ieri pari a -19 e -189. Infine la situazione della Lombardia, che da bollettino di ieri ha comunicato 4.325 contagi.

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 19 MAGGIO: CRISANTI SULLE MASCHERINE

E alla luce dei contagi in calo o stabili, sono molti, fra gli addetti ai lavori, a chiedere che le mascherine a scuola venga eliminate, ma c’è chi la pensa diversamente, come ad esempio il noto professor Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova, voce fra le più autorevoli in questi due anni e mezzo di pandemia. Intervistato ieri dai microfoni dell’Adnkronos ha spiegato: “Non è che le mascherine a scuola si debbano mantenere per diminuire la trasmissione di Covid, perché poi se un ragazzo le tiene mezza giornata in aula e poi va con gli amici al bar, al ristorante, in discoteca, l’effetto protettivo è nullo. Però c’è un effetto protettivo nei confronti dei più fragili”.

Secondo Crisanti è quindi fondamentale mantenere il dispositivo per aiutare gli studenti più fragili: “E’ per questo unico motivo, per tutelare i più fragili, che le mascherine a scuola andrebbero mantenute fino alla fine dell’anno scolastico. E il caldo non crea nessun problema”. Due giorni fa il sottosegretario alla salute, Andrea Costa, aveva fatto capire come fosse possibile eliminare l’obbligo a scuola, proprio per via di una situazione che sta tendendo verso la normalità.





© RIPRODUZIONE RISERVATA