BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 29 NOVEMBRE/ 65 morti, 7975 casi, 171 ricoveri

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 29 novembre 2021: dati Covid Italia, 65 morti e 7.975 nuovi casi, aumento di 171 ricoveri in 24 ore

Covid terapia intensiva
Coronavirus Italia, un reparto terapia intensiva (LaPresse, 2021)

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 7.975 nuovi casi di contagio da coronavirus, con purtroppo ancora 65 morti positivi al tampone: i dati diffusi dal Ministero della Salute nel bollettino del 29 novembre confermano la crescita oltre ai contagi anche dei ricoveri, con ben tre regioni che ad oggi hanno superato ampiamente la soglia limite per l’ingresso in zona gialla (Friuli 22%, Valle D’Aosta e Bolzano al 18%, dati Agenas).

Il tasso di positività in Italia sale al 2,9% (+0,4%) a fronte degli ultimi 276mila tamponi processati, il consueto “crollo” nei numeri del lunedì post weekend (-400mila test rispetto a ieri): sono 189.643 gli italiani ancora positivi al Covid-19, 4.707 quelli guariti-dimessi nelle ultime 24 ore mentre sono 5.135 (+171) i ricoverati nei reparti ordinari Covid. In tutto sono invece 669 i letti occupati di terapia intensiva, con un aumento di 31 unità rispetto alla giornata di domenica. (agg. di Niccolò Magnani)

IL BOLLETTINO COVID DI IERI

Inizia una nuova settimana, e anche oggi, 29 novembre 2021, scopriremo il nuovo bollettino coronavirus del ministero della salute, il classico report quotidiano che ormai da due anni a questa parte accompagna le nostre giornate con i vari aggiornamenti circa i contagi da covid, i ricoverati, i decessi, e via discorrendo. Si è chiusa una settimana in cui il virus ha continuato la sua ascesa, anche se leggermente frenata rispetto a due settimane fa, ma nel contempo, si è visto il ritorno di una regione in zona gialla, il Friuli Venezia Giulia.

Cosa accadrà al termine dei prossimi sette giorni è difficile saperlo, nell’attesa, rivediamo brevemente il bollettino di ieri, quando i nuovi casi emersi sono stati in totale 12.932 a fronte di 512.592 tamponi processati fra antigenici e molecolari. Il tasso di positività è stato pari al 2.5 per cento, mentre in merito ai decessi per covid ieri si sono registrati altri 47 morti, per un totale da inizio pandemia pari a 133.674.

Continua a crescere nel contempo anche il numero degli ospedalizzati, e ad oggi vi sono 638 italiani ricoverati in terapia intensiva, dato in crescita di 14 unità rispetto alla precedente comunicazione, e altri 4.964 in area medica, numero che invece è aumentato di 138 allettati. Infine, come sempre, il dato della regione Lombardia, che ieri ha comunicato 2.493 nuovi casi di positività, così come potete evincere dal bollettino specifico.

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 29 NOVEMBRE: SPERANZA E GENTILONI SU OMICRON

Contagi ancora alti in Italia, e il mondo scientifico è in pre-allarme per la nuova variante Omicron, l’ultima mutazione del covid proveniente dal Sud Africa. A riguardo ne ha parlato ieri il ministro della salute, Roberto Speranza, che ha spiegato: “La fase epidemica non è semplice – le parole riportate d Skytg24.it – questa nuova variante è un’ulteriore sfida per tutti i paesi del mondo, c’è una massimo livello di attenzione e serve cautela e tutte le scelte, comprese quelle sui voli vanno in questa direzione. Serve tempo per studiare a approfondire l’impatto, la comunità scientifica è già al lavoro. Ancora c’è un numero di sequenziamenti molto limitato e ci sono segnalazioni di elementi di rischio nelle 32 mutazioni”.

Della nuova variante ne ha parlato anche il Commissario dell’Ue, Paolo Gentiloni, che intervistato da Il Foglio ha ammesso: “Eviterei un eccesso di allarmismo” per poi spiegare che: “La risposta europea dal punto di vista sanitario è stata una risposta importante e non era scontato. L’Ue è stata di gran lunga l’attore globale che ha esportato la quantità maggiore di vaccini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA