CORONAVITUS ITALIA, BOLLETTINO SALUTE 30 NOVEMBRE/ 89 morti, 12764 casi, +92 ricoveri

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 30 novembre 2021: dati Covid in Italia. 89 morti, 12.764 casi, +92 ricoveri, +14 terapie intensive

americani scettici vaccino anticovid
(LaPresse)

Cala il tasso di positività mentre restano sempre alti i ricoveri, sotto controllo invece sul trend degli ultimi giorni i nuovi contagi: il bollettino diffuso dal Ministero della Salute registra nelle ultime 24 ore in Italia un aumento di 12.764 nuovi casi di coronavirus, con purtroppo anche 89 morti (133.828 da inizio pandemia).

Si contano anche 8.041 guariti-dimessi e un numero di nuovi tamponi processati pari a 719.972 unità: il tasso di positività nel Paese aggiornato al 30 novembre è dell’1,8% (calo dell’1,15% in 24 ore), mentre sono 194.270 gli italiani al momento positivi al test anti-Covid. La situazione negli ospedali italiani vede un aumento ulteriore specie sul fronte dei ricoveri ordinari: sono in tutto 5.227 i pazienti ricoverati con sintomi nei reparti Covid (+92 rispetto a ieri) mentre è di 683 il numero di terapie intensive occupate (+14). È stato annunciato oggi dalla Regione con una nota pubblica, da lunedì prossimo l’Alto Adige entrerà ufficialmente in zona gialla seguendo le medesime regole già in atto in questa settimana per il Friuli Venezia Giulia.

IL BOLLETTINO COVID DI IERI

Prosegue la settimana e anche oggi, martedì 30 novembre 2021, faremo il punto sulla pandemia di covid in Italia, analizzando il nuovo bollettino coronavirus del ministero della salute. Come sempre l’appuntamento è fissato nel tardo pomeriggio di oggi, indicativamente dopo le ore 17:00, e come vi scriviamo spesso e volentieri, quello di oggi sarà il primo vero report settimanale, tenendo conto che il lunedì vengono comunicati i risultati relativi ai tamponi (pochi) processati nel weekend. Ma rivediamo proprio il bollettino di ieri, quando i nuovi contagiati emersi sono stati in totale 7.975 a fronte di 276mila test anti covid elaborati sia antigenici quanto molecolari.

Continua a crescere il numero di ospedalizzati, ieri più 31 in terapia intensiva, per un totale di 669 allettati, e altri più 171 in area medica, per un computo aggiornato di 5.135 ricoverati. Sale, ma questa è una costante del lunedì, il tasso di positività, che ha raggiunto quota 2.9%, mentre in merito ai decessi per covid, ieri sono stati segnalati 65 nuovi morti, per un totale da inizio pandemia pari a 133.739. Infine uno sguardo ai nuovi contagiati della Lombardia, ieri altri 851 (qui il bollettino).

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 30 NOVEMBRE: IL COMMENTO DI GENTILONI

I numeri riguardanti il contagio di covid stanno aumentando a vista d’occhio, ma il commissario dell’Unione Europea, l’ex presidente del consiglio Paolo Gentiloni, ha messo in guardia dal paragonare la situazione attuale del virus a quella di un anno fa di questi tempi, quando l’Italia era tutta colorata di arancione e di rosso, e quando, soprattutto, non vi erano i vaccini anti covid. “Chi dice che siamo di nuovo in una situazione senza speranza paragonabile al periodo pre vaccini dice una cosa inesatta e le cose inesatte sono pericolose”, le parole riportate da Skytg24.it.

Quindi Gentiloni ha aggiunto, riferendosi alla variante Omicron: “cosa possa accadere con questa variante è prematuro dirlo per chiunque. La reazione della Commissione europea è stata di invitare gli stati a prendere misure precauzionali. Ci vuole grande cautela ma eviterei eccesso di allarmismi. Serve ottimismo”, ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA