Bollettino vaccini covid oggi 21 maggio/ Quarte dosi a quota 566.550

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino vaccini covid oggi 21 maggio 2022: facciamo il punto sulla campagna di vaccinazione di massa. Il numero totale di quarte dosi salito a quota 566.550

Vaccini Covid
Vaccini anti-Covid, Regione Lazio (LaPresse)

Il bollettino vaccini covid di oggi, sabato 21 maggio 2022, è stato reso pubblicato come sempre dopo le ore 6:00 di stamattina, il quotidiano aggiornamento inerente la campagna di vaccinazione anti covid che ricordiamo, è scattata alla fine di dicembre di due anni fa. Nelle ultime ore 24 ore il numero totale di dosi somministrate è cresciuto di circa 50mila inoculazioni rispetto al numero comunicato nel bollettino vaccini covid di ieri, per un computo aggiornato pari a 137.4 milioni di dosi.

Le quarte dosi o secondo booster sono invece giunte a 566.550 somministrazioni, mentre le terze dosi sono sempre ferme a quota 39.5 milioni, il che significa che l’82.8 per cento della popolazione ha ricevuto il siero anti covid. Sempre fermi anche i dati relativi al numero di italiani immunizzati e a quelli che hanno ricevuto la prima dose, rispettivamente pari a 49.3 e 48.6 milioni, infine, per quanto riguarda la fascia più giovane 5-11 anni, si registrano 1.2 milioni di bambini con il ciclo completato, e altri 1.3 milioni che invece hanno ricevuto solo la prima dose.

BOLLETTINO VACCINI COVID OGGI 21 MAGGIO: CDC APPROVANO TERZA DOSE PER BIMBI

E nella giornata di ieri, a proposito dei vaccini anti covid, è giunta la notizia dell’approvazione da parte dei Cdc, Centers for Disease Control and Prevention, circa la terza dose per i bambini nella fascia di età 5-11 anni, definita ‘raccomandata’ (vaccino Pfizer/BioNTech). La dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dell’agenzia, ha commentato: “Sappiamo che questi vaccini sono sicuri e dobbiamo continuare ad aumentare il numero di bambini protetti”.

La terza dose per questa età verrà somministrata dopo cinque mesi dalla precedente vaccinazione, e ovviamente andrà a coprire gli stessi bimbi dal rischio di contrarre la variante del covid Omicron, senza dubbio meno aggressiva rispetto alle precedenti versioni, ma comunque dannosa e assolutamente da evitare. La notizia dell’approvazione della terza dose è giunta nel giorno in cui negli Stati Uniti si è raggiunta la drammatica cifra di un milione di morti per covid, numeri davvero da brividi.







© RIPRODUZIONE RISERVATA