Bonus 60 euro trasporti per studenti e lavoratori/ Abbonamenti bus, metro e treni

- Davide Giancristofaro Alberti

C’è un bonus da 60 euro destinato a studenti e lavoratori per pagare gli abbonamenti ai trasporti pubblici, quindi bus, metro, treni e via discorrendo

Sciopero Roma
Sciopero mezzi Atac a Roma (LaPresse)

Fra le varie misure a sostegno delle persone meno abbienti messe in atto dal governo, vi è anche un bonus da 60 euro destinato all’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico locale, ma anche regionale e interregionale. Obiettivo dello stato, quello di cercare di mitigare in parte l’impatto del caro-energia nei confronti dei lavoratori con i redditi più bassi (fino ad un massimo di 35mila euro), e degli studenti. E’ stato così istituito un fondo da 100 milioni di euro presso il ministero del lavoro e dello sviluppo economico, che erogherà appunto dei bonus fino ad un massimo di 60 euro agli aventi diritto.

La prima cosa da sapere è che il bonus non è ancora scattato, di conseguenza bisognerà attendere il decreto attuativo che arriverà comunque entro e non oltre i prossimi sessanta giorni, quindi indicativamente per la metà del mese di luglio massimo. A quel punto, una volta che verrà pubblicato il decreto, si avrà tempo fino alla fine dell’anno solare, il 31 dicembre di quest’anno, per richiedere ed ottenere il bonus. Come spiegato sopra, il buono sarà utilizzabile per acquistare abbonamenti per servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale nonchè servizi di trasporto ferroviario nazionale.

BONUS 60 EURO: VERRA’ RIMBORSATO IL 100% DELLA SPESA PER L’ABBONAMENTO

Il suo valore sarà pari al 100 per cento della spesa da sostenere per l’acquisto dell’abbonamento, ma non potrà superare i 60 euro; per fare un esempio pratico, se il vostro abbonamento mensile per il bus costa 35 euro, lo stato vi ridarà 35 euro, mentre se l’abbonamento ne costerà 65, a quel punto avrete diritto a 60 euro, e i restanti 5 dovrete prenderli dalle vostre tasche.

Il bonus da 60 euro, come scrive il sito di Orizzonte Scuola, è riconosciuto alle persone fisiche che nell’anno 2021 hanno avuto un reddito complessivo non superiore ai 35mila euro. Il buono sarà inoltre nominativo e utilizzabile per un solo abbonamento, non sarà quindi cedibile. Attendiamo ulteriori indicazioni per capire come farlo per ottenerlo in concreto e vi ricordiamo altri due bonus recentemente introdotti, il bonus affitto 2022 e il bonus da 200 euro per i lavoratori dipendenti.







© RIPRODUZIONE RISERVATA