Boomdabash/ “Don’t Worry? E’ un inno alla speranza”

- Emanuele Ambrosio

Boomdabash tra i protagonisti de “L’anno che verrà”, lo spettacolo di fine anno condotto da Amadeus su Rai1 e festeggiano 15 anni di carriera con un best of

Boomdabash
Boomdabash

Boomdabash sono tra i protagonisti de “L’anno che verrà“, lo spettacolo di fine anno condotto da Amadeus giovedì 31 dicembre 2020 in prima serata su Rai1. Quale occasione migliore per festeggiare 15 anni di carriera e il grandissimo successo di “Karaoke”, una delle hit più ascoltate dell’estate 2020? La band ha pubblicato recentemente Don’t worry (Best Of 2005-2020), una raccolta con le canzoni più importanti e significative della loro carriera. Un regalo fatto ai fan come ha precisato la band in una intervista rilasciata a Sky Tg24: “questo best of è un regalo a chi ci ha seguito in questi 15 anni, che poi identificano la data della prima produzione, ma noi nasciamo nel 2000. E’ una tracklist per regalare un viaggio musicale che tocca tutti i momenti clou della nostra storia. Vorremmo fosse di stimolo per un viaggio anche a chi ci ha incontrato da poco, quelli che ci hanno scoperto con i tormentoni: vogliamo fargli scoprire chi eravamo prima dei tormentoni”. All’interno del disco ci sono anche tre brani inediti tra cui “Don’t Worry” che dà il titolo all’intero progetto. Si tratta di un brano a cui la band tiene davvero tanto e che racconta così: “è un pezzo diverso dalle classiche produzioni dei Boomdabash. E’ un inno alla speranza, è facile associare Don’t Worry al periodo che stiamo vivendo ma a gennaio era già nel cassetto di produzione, poi tutto si è fermato. L’abbiamo scelto come singolo perché infonde speranza, invita a restare con la schiena dritta anche in questi momenti”.

Boomdabash: da “Don’t Worry” all’amicizia per Gigi D’Alessio

Tra gli inediti del best of dei Boomdabash c’è anche “Nun tenimme paura feat Franco Ricciardi che raccontano così: “ci siamo particolarmente legati, scritto insieme a Franco Ricciardi, di cui siamo fan. E’ il primo pezzo davvero autobiografico. Nessuno ha mai saputo come sono cresciuti i Boomdabash, in che realtà sociale e culturale. Mette a nudo l’unico lato non ancora svelato nè dal palco né dai social. Contiene una apertura verso nuovi panorami musicali oltre alla voglia di dire chi siamo stati fuori dal palco”. Impossibile non parlare di tormentoni e a sorpresa rivelano per la prossima estate 2021: “abbiamo tanti brani che sono lì a lievitare, la prossima estate puntiamo a un nuovo tormentone. Ma ora è presto per pensarci. Prima preoccupiamoci di uscire dal covid e riprogrammiamo il tour”. La band è molto legata sia a Franco Ricciardi che Gigi D’Alessio su cui dicono: “è un amicone, ci sentiamo spesso. E’ un grandissimo musicista che sa scrivere e  suonare, abbiamo fatto insieme il suo Mon Amour e speriamo di poterlo presentare al più presto dal vivo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA