BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a +0,53%, Atlantia a +2,3% (22 luglio 2021)

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in rialzo. Sul listino principale bene Italgas e Atlantia. Male invece Leonardo e Tenaris. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

bce acquisto titoli spread
La sede della Bce a Francoforte (LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dello 0,53% e sul listino principale troviamo in rosso Banca Generali (-0,17%), Banco Bpm (-0,92%), Buzzi (-0,41%), Cnh Industrial (-0,11%), Eni (-1,09%), Inwit (-0,08%), Leonardo (-1,31%), Pirelli (-0,76%), Snam (-0,08%), Stellantis (-0,57%), Stm (-0,03%) e Tenaris (-1,12%). I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+0,91%), Amplifon (+0,51%), Atlantia (+2,3%), Azimut (+1,72%), Banca Mediolanum (+0,79%), Bper (+1,77%), Campari (+1,52%), Diasorin (+0,89%), Enel (+1,88%), Exor (+1,28%), Hera (+1,79%), Interpump (+0,68%), Intesa Sanpaolo (+0,63%), Italgas (+2,18%), Moncler (+1,63%), Nexi (+1,5%), Poste Italiane (+1,51%), Prysmian (+0,7%), Saipem (+1,5%) e Terna (+0,71%). Il cambio euro/dollaro torna sotto quota 1,18, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 107 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 16:00

La Borsa italiana sale dello 0,3% e sul listino principale troviamo in rosso Banca Generali (-1,7%), Banco Bpm (-1,2%), Buzzi (-0,6%), Diasorin (-0,2%), Eni (-0,6%), Ferrari (-0,1%), Fineco (-0,1%), Inwit (-0,3%), Leonardo (-0,8%), Mediobanca (-0,1%), Pirelli (-0,8%), Recordati (-0,1%), Stellantis (-0,7%), Stm (-0,3%), Tenaris (-1%) e Unipol (-0,1%). I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+0,6%), Atlantia (+2,1%), Azimut (+1,1%), Banca Mediolanum (+1%), Bper (+1,4%), Campari (+1,2%), Enel (+1,7%), Exor (+1,5%), Hera (+1,4%), Italgas (+1,7%), Moncler (+0,7%), Nexi (+1,3%), Poste Italiane (+1%), Saipem (+1,5%) e Terna (+0,5%). Il cambio euro/dollaro sale sopra quota 1,18, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 107 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:10

La Borsa italiana guadagna lo 0,9% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Diasorin (-0,3%), Inwit (-0,5%), Recordati (-0,3%) e Snam (-0,2%). Terna, invece, si trova in parità. I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+1%), Atlantia (+2,3%), Azimut (+1,4%), Banca Mediolanum (+1,1%), Banco Bpm (+1,3%), Bper (+3,6%), Buzzi (+1,2%), Cnh Industrial (+1,4%), Enel (+0,8%), Exor (+2,3%), Fineco (+1,3%), Generali (+1,1%), Hera (+0,6%), Interpump (+0,8%), Intesa Sanpaolo (+1,4%), Italgas (+0,6%), Leonardo (+1%), Mediobanca (+1%), Moncler (+0,8%), Nexi (+0,8%), Poste Italiane (+1,1%), Prysmian (+1,2%), Saipem (+1,2%), Stellantis (+0,7%), Stm (+0,6%), Telecom Italia (+1,1%), Tenaris (+0,6%), Unicredit (+2,4%) e Unipol (+1,6%). Il cambio euro/dollaro si trova sotto quota 1,18, mentre lo spread tra Btp e Bund scende verso i 107 punti base.

PIAZZA AFFARI ATTENDE LA BCE

Non mancano dati macroeconomici rilevanti in agenda nella giornata di oggi, nella quale gli occhi degli investitori saranno puntati al board della Bce e alla successiva conferenza stampa di Christine Lagarde prevista alle 14:30. Alle 8:45 conosceremo l’indice di fiducia delle imprese francesi a luglio. Alle 14:30 sarà la volta delle richieste di sussidi di disoccupazione negli Usa. Alle 16:00 toccherà all’indice di fiducia dei consumatori europei relativo al mese di luglio e al numero di case esistenti vendute negli Stati Uniti a giugno. A Piazza Affari è attesa la trimestrale di TrenDevice.

Ieri il Ftse Mib ha chiuso in rialzo del 2,36% a 24.675 punti. Sul listino principale nessun titolo ha terminato la seduta in rosso. Unipol ha fatto meglio di tutti con un +4%. Superiori ai tre punti percentuali anche i rialzi di Banca Mediolanum (+3,2%), Exor (+3%), Leonardo (+3,8%), Mediobanca (+3,3%), Pirelli (+3,6%), Poste Italiane (+3,2%), Stellantis (+3,4%), Stm (+4%) e Unicredit (+3,1%). Lo spread tra Btp e Bund è sceso a 108 punti base.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI



© RIPRODUZIONE RISERVATA