BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a -0,57%, Saipem a -4,57% (26 giugno 2020)

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in rosso. Sul listino principale bene Atlantia e Snam. Male invece Saipem e Mediobanca. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Trader_Borsa_Telefono_Lapresse
Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo dello 0,57% e sul listino principale troviamo in rialzo Amplifon (+0,34%), Atlantia (+1,79%), Banca Mediolanum (+1,04%), Campari (+1,76%), Cnh Industrial (+1,76%), Ferrari (+1%), Hera (+0,85%), Interpump (+1,69%), Italgas (+0,58%), Snam (+2,13%), Terna (+1,17%) e Unipol (+0,24%). I ribassi più ampi sono quelli di A2A (-0,88%), Azimut (-2,17%), Banco Bpm (-3,75%), Banca Generali (-0,92%), Diasorin (-0,92%), Eni (-0,99%), Exor (-1,76%), Fca (-1,77%), Fineco (-1,83%), Intesa Sanpaolo (-1,47%), Inwit (-1,33%),  Leonardo (-1,81%), Mediobanca (-4,02%), Poste Italiane (-2%), Prysmian (-0,92%), Recordati (-0,62%), Saipem (-4,57%), Stm (-1,01%), Telecom Italia (-3,76%), Tenaris (-2,58%), Ubi Banca (-0,87%) e Unicredit (-1,79%). Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund sale a 177 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:35

La Borsa italiana sale dello 0,7% e sul listino principale troviamo in rosso Azimut (-0,9%), Banco Bpm (-2%), Diasorin (-0,1%), Exor (-0,3%), Fca (-0,1%), Fineco (-0,3%), Intesa Sanpaolo (-0,4%), Inwit (-0,2%), Mediobanca (-2%), Poste Italiane (-0,9%), Prysmian (-0,5%), Saipem (-3,4%), Telecom Italia (-2,2%), Tenaris (-0,2%), Ubi Banca (-0,1%) e Unicredit (-0,3%). Recordati, invece, si trova in parità. I rialzi più consistenti sono quelli di Amplifon (+1,9%), Atlantia (+3,2%), Banca Generali (+0,8%), Banca Mediolanum (+1,9%), Buzzi (+1,5%), Campari (+1,8%), Cnh Industrial (+2,8%), Enel (+0,9%), Eni (+1%), Ferrari (+2,4%), Generali (+0,6%), Hera (+2,2%), Interpump (+2,8%), Italgas (+1,4%), Moncler (+2,1%), Nexi (+1,7%), Pirelli (+1,4%), Snam (+3%) e Terna (+1,7%). Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova sotto i 176 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 11:00

La Borsa italiana sale dello 0,9% e sul listino principale troviamo in rosso Amplifon (-0,1%), Banco Bpm (-0,1%), Diasorin (-0,5%), Inwit (-0,8%), Mediobanca (-0,5%), Poste Italiane (-0,2%), Prysmian (-0,1%), Saipem (-1,4%) e Telecom Italia (-1,2%). I rialzi più consistenti sono quelli di Atlantia (+3,5%), Banca Generali (+0,8%), Banca Mediolanum (+1,7%), Buzzi (+0,8%), Campari (+1,7%), Cnh Industrial (+3%), Enel (+1,1%), Eni (+0,9%), Ferrari (+1,2%), Generali (+1%), Hera (+1%), Interpump (+1,9%), Italgas (+1,3%), Moncler (+1,4%), Nexi (+1,1%), Pirelli (+1,3%), Snam (+2,9%), Stm (+0,7%), Terna (+2,1%), Ubi Banca (+1%) e Unipol (+1,1%). Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 175 punti base.

PIAZZA AFFARI INSEGUE I 19.500 PUNTI

Non mancano dati macroeconomici rilevanti in diffusione nella giornata di oggi. Alle 8:45 toccherà all’indice di fiducia dei consumatori francesi relativo al mese di giugno. Alle 11:00 arriverà l’analogo dato relativo all’Italia, insieme a quello sulla fiducia delle imprese. Un’ora prima l’Istat diffonderà il dato sul deficit/Pil del primo trimestre dell’anno. Alle 9:00 si saprà invece l’andamento delle vendite al dettaglio in Spagna a maggio. Alle 14:30 dagli Usa arriveranno i dati su spesa per consumi e redditi delle famiglie nel mese di maggio, mentre alle 16:00 toccherà all’Indice di fiducia delle famiglie elaborato dall’Università del Michigan. Per quanto riguarda Piazza Affari, sono in programma alcune assemblee degli azionisti, tra cui quelle di Fca, Mediaset, Cattolica Assicurazioni, Go Internet, It Way, Fullsix e It Way.

Ieri il Ftse Mib ha chiuso in rialzo dello 0,37% a 19.234 punti. Sul listino principale bene Banco Bpm (+2,3%), Nexi (+2,1%) e Ubi Banca (+2,1%). Superiori al punto percentuale anche i rialzi di Azimut (+1,6%), Banca Generali (+1,2%), Diasorin (+1,6%), Exor (+1,8%), Fca (+1,4%), Fineco (+1,1%), Intesa Sanpaolo (+1,1%), Prysmian (+1,3%), Saipem (+1,1%), Telecom Italia (+1,4%) e Tenaris (+1,3%). Campari ha fatto peggio di tutti con un -3,2%. Male anche Cnh Industrial (-1,3%), Hera (-1,9%), Italgas (-1,3%), Leonardo (-1,2%), Moncler (-1,1%). Lo spread tra Btp e Bund è salito sopra i 176 punti base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA