SERIE A/ Miracolo Cesena, Ficcadenti: “Guardo i punti non la classifica”

Il tecnico della squadra rivelazione di questo inizio di campionato tiene i piedi ben saldi per terra

20.09.2010 - La Redazione
Ficcadenti_R375_21set10
Ficcadenti, allenatore Cagliari (Foto: Ansa)

CESENA FICCADENTI – “Guardo i punti, non la classifica”. Massimo Ficcadenti si gode lo spendido avvio di campionato del suo Cesena ma non si illude più di tanto. “Non era facile prevedere un simile rendimento, ma ci siamo meritati questi risultati”, dice l’allenatore romagnolo a Radio Anch’io. “Abbiamo una squadra con tanti giovani, tanti stranieri nuovi. C’erano tante incognite quando abbiamo cominciato a lavorare e essere primi dopo 3 giornate è un piacere. Siamo contenti di essere lì con 7 punti, anche se il nostro obiettivo rimane la salvezza”.

E poi ancora. “Abbiamo cambiato molto la rosa, con 12-13 stranieri. In particolare, è cambiata la difesa”, aggiunge prima di evidenziare il valore del lavoro svolto da suo predecessore, Pierpaolo Bisoli, attuale allenatore del Cagliari. “Bisoli ha avuto grandi meriti a Cesena. E ha grandi meriti anche la società: è giovane e non ha paura di scommettere su giocatori che altrove non vengono ritenuti all’altezza». Quindi sul prossimo incontro in Sicilia, col Catania. “Il Catania ha fatto una grande partita a Milano. Noi cercheremo di fare la nostra gara, con attenzione tattica e con la volontà di sfruttare le nostre qualità. Certo, la classifica ci consente di essere più sereni e convinti in questo momento. Ma sappiamo che non sarà un match facile”

Ci sono anche elogi per Giaccherini. "Si parla di rinnovare la Nazionale con giocatori giovani. Giaccherini è poco conosciuto dal grande pubblico ma nelle prime 3 giornate ha dimostrato di avere qualità importanti. È un ragazzo che merita: se si confermerà, potrebbe essere convocato", dice Ficcadenti. Infine un giudizio sulle due big incontrate, Milan e Roma. "In questo momento sembra tutto nero per la Roma, ci sono difficoltà iniziali anche per il Milan ma i valori sono molto elevati in entrambi i casi. Mi sembra che i problemi della Roma siano legati alla condizione fisica, mentre il Milan deve trovare gli equilibri giusti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori