Giro d’Italia 2016/ Undicesima tappa: il commento di Michele Bartoli (esclusiva)

- int. Michele Bartoli

Giro d’Italia 2016: il commento di Michele Bartoli sull’undicesima tappa della corsa rosa. Diego Ulissi conclude un’altra splendida azione e si prende la seconda vittoria di questa edizione

ulissi_fiuggi
Foto Infophoto
Pubblicità

L’undicesima tappa del Giro d’Italia, la Modena-Asolo di 212 chilometri, è stata vinta da Diego Ulissi, alla seconda vittoria alla corsa rosa. Ha battuto in volata Amador che rimane al secondo posto e Jungels che rimane al comando della classifica generale. A 13 secondi è arrivato Nizzolo che ha regolato tutto il gruppo in volata. In classifica generale Jungels ha 24 secondi proprio su Amador e 1’07 su Valverde, Nibali è quinto a ‘1’09”. La tappa di oggi è stata caratterizzata anche dal ritiro di Dumoulin e dallo scatto di Nibali in discesa quando mancavano diciotto chilometri all’arrivo. Si sono trovati in testa Nibali, Chaves e Valverde con il corridore spagnolo che non ha collaborato… Domani domani la dodicesima tappa Noale – Bibione di 168 chilometri. Per commentare l’undicesima tappa del Giro d’Italia 2016, IlSussidiario.net ha contattato in esclusiva Michele Bartoli, allenatore di Ulissi.

Ulissi seconda vittoria al Giro, fenomenale? Una grande prova, Ulissi ha fatto veramente bene, sembra tornato l’Ulissi delle origini, sembra tornato a grandi livelli.

Cosa si può dire di questa vittoria? Ha staccato Nibali, Valverde, Uran, è partito in salita quando mancavano otto – nove chilometri dal traguardo. E’ andato a prendere Jungels e Amador in una tappa certamente impegnativa, con un’azione veramente bella.

Ha messo dietro i primi due della classifica… E’ andato a prenderli e poi li ha battuti in volata, la prova di Ulissi è stata veramente fantastica.

Pubblicità

Cosa potrà fare ancora? Lo reputa pronto per le grandi classiche? Più che altro lo spero, mi sembra un Ulissi finalmente maturo per le grandi vittorie nelle classiche più importanti, per cogliere successi prestigiosi.

Potrà cogliere un buon risultato anche nella classifica finale? Vedremo, si vivrà giorno per giorno. Magari potrebbe arrivare tra i primi dieci, sarebbe bello.

Chissà, magari tra i primi cinque…? No aspettiamo, aspettiamo: è ancora troppo presto.

Lo chiamerà stasera? Penso di sì, gli farò una telefonata.

Lui e Jungels sono i grandi personaggi di questo Giro? Sì sono loro i corridori che mi hanno impressionato di più. Jungels potrebbe disputare un buon Giro. Bisognerà poi vedere cosa farà Jungels nelle salite più dure. Per il momento è lui che ha la maglia rosa, è lui che è il più forte!

Pubblicità

Amador è pronto per vincere il Giro? E’ stato mandato in avanscoperta da Valverde. È un corridore di valore, che potrebbe disputare un ottimo Giro. E’ secondo in classifica, ha veramente talento.

Nibali e Valverde hanno attaccato, ma poi lo spagnolo non ha collaborato: cosa ne pensa? Bisogna dire che Valverde ha Amador in classifica che è secondo, poi sicuramente non voleva spremersi. Aspetterà le ultime salite del Giro, quelle più difficili.

Come vede la tappa di domani, la Noale – Bibione? Sarà una tappa per velocisti, non mi aspetto particolari sorprese.

E Ulissi non ci proverà? Penso di no: si è già messo in evidenza diverse volte e adesso dovrà risparmiarsi per le prossime tappe.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori