Nippo Vini Fantini/ Presentazione squadra: capitano, corridori e obiettivi. Riflettori su Damiano Cunego e Gianfranco Zilioli (Giro d’Italia 2016)

- La Redazione

Team Nippo Vini Fantini, Giro d’Italia 2016: presentazione della squadra che partecipa alla corsa. Il capitano, i corridori e gli obiettivi. Riflettori su Damiano Cunego e Gianfranco Zilioli

cunego
Il leader della Nippo Vini Fantini Damiano Cunego, 34 anni

Il Team Nippo Vini Fantini sarà una delle squadre più attese nel Giro d’Italia 2016. Si tratta di una compagine ciclistica italo-giapponese, alla seconda partecipazione nella corsa rosa, a caccia di rivincite dopo la scorsa, sfortunata partecipazione. Il capitano e leader della Nippo Vini Fantini sarà l’esperto ciclista azzurro Damiano Cunego, ormai lontano dai fasti del passato ma pur sempre capace di importanti exploit.

Per Cunego non ci saranno grandi aspettative relativamente ad un piazzamento nella classifica generale, ma potrebbe rappresentare sicuramente un valido outsider per la conquista di alcune tappe.

Il ciclista azzurro non vince una tappa del Giro d’Italia proprio dal 2004, in quell’anno magico nel quale fu proprio lui ad aggiudicarsi la maglia rosa finale. In quella edizione riuscì ad imporsi in ben 4 tappe, poi il lungo digiuno e la grande sfortuna, come nella passata edizione quando fu costretto al ritiro anticipato per una frattura alla clavicola.

Prezioso sarà il contributo di Gianfranco Zilioli, che avrà la funzione di luogotenente di Cunego, ma che potrebbe dire la sua anche in alcune tappe. Un altro elemento di grande affidamento sarà Alessandro Bisolti, che rappresenta uno delle frecce più preziose nell’arco del direttore sportivo Stefano Giuliani.

Da seguire con particolare attenzione anche Giacomo Berlato soprannominato non a caso ‘l’uomo delle fughe’ proprio per la sua grande propensione ad attaccare da lontano. Completano la squadra di Giuliani, Grega Bole, Eduard Grosu, Riccardo Stacchiotti, Iuri Filosi e il giapponese Genki Yamamoto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori