PALIO DI SIENA, 2 LUGLIO 2016 / Cresce l’attesa: estratte le dieci Contrade (oggi, 27 giugno)

- La Redazione

Palio di Siena, 2 luglio 2016: attesa verso la corsa di cavalli di sabato, le ultime notizie e curiosità oggi 27 giugno: presentato il drappellone surrealista del pittore Tommaso Andreini

PaliodiSiena
Palio di Siena 2016 (Infophoto)
Pubblicità

Sono state estratte le dieci Contrade che correranno per il Palio di Siena il 2 luglio 2016 in onore della Madonna di Provenzano. Eccole in ordine di estrazione e, di conseguenza, di ingresso in Piazza: Bruco, Lupa, Drago, Giraffa, Chiocciola, Aquila, Istrice, Tartuca, Oca e Nicchio. Intanto in città si lavora per la predisposizione della pista: gli operai comunali hanno lavorato fino alle 3 di notte per completare le operazioni necessarie affinché l’anello di tufo fosse agibile per le prove mattutine delle 5:30. Ben 40 dipendenti comunali, come riportato da ilpalio.org, hanno lavorato insieme ai tecnici del servizio manutenzione per l’allestimento della Piazza: impegno non indifferente che testimonia il senso di appartenenza al Palio e a Siena. E, infatti, il sindaco Bruno Valentini si è intrattenuto con tutti gli operai al termine dei lavori. Un momento di confronto informale nel quale il primo cittadino ha avuto modo di relazionarsi con gli operai e i tecnici coinvolti per i lavori.

Pubblicità

Nella splendida cornice di Villa del Sole è intervenuto Tommaso Andreini, che ha prodotto il drappellone ufficiale per il Palio di Siena 2016. L’artista non vede l’ora di portare a termine la sua opera: «Ho dato l’ultima pennellata, ora aspetto con ansia il 29 per l’estrazione delle tre contrade. Devo fare i tre stemmi mancanti, quindi sto aspettando per il colpo di grazia. Estrazione della mia contrada? Ci penso sempre, è inevitabile. E’ un’esperienza meravigliosa a prescindere, ha dichiarato il pittore post-surrealista ai microfoni de ilpalio.org. Nel suo drappellone ritroveremo inevitabilmente i riferimenti artistici della sua formazione: «Da fanciullo non giocavo ma disegnavo, era uno stimolo per me, uno sfogo. Ero bravo e tutti erano impressionati. A 3-4 anni facevo cose impegnative. Io lavoro su tanti materiali, perché le committenze sono varie a seconda delle contrade. Le opere che finiscono nelle mostre sono su tela. Lavoro in tecnica mista: voglio essere libero nelle interpretazioni, nelle idee e nei materiali. Non ho mai avuto un modello da seguire, l’unico pittore in cui mi rivedo, e l’ho scoperto da pochi anni, è Fabrizio Clerici. .

Pubblicità

iniziata la settimana di attesa per il grande Palio di Siena 2016 in programma sabato 2 luglio nella spettacolare piazza del Campo a Siena: un evento atteso non solo dalla città ma da migliaia di appassionati e tifosi che due volte allanno si ritrovano in piazza per assistere a quellinsieme fascino, storia e tradizione della corsa di cavalli più famosa al mondo. Cresce lattesa con le contrade che durante questi giorni danno il via ai vari processi di avvicinamento, tra scaramanzia e rispetto assoluto della tradizione. Intanto è stato presentato il drappellone ufficiale, prodotto questanno da Tommaso Andreini: il pittore post-surrealista ha realizzato un importante drappello che rappresenterà il simbolo di questo Palio di Siena 2016 e che impone allo spettatore riflessioni anche trascendentali. Artista senese, applaudito dopo la presentazione di ieri che apre ufficialmente la settimana del Palio: questanno il cencio è dedicato al Giubileo straordinario della misericordia, richiamando lelemento della festa e del cavallo. Allinterno i contradaioli che festeggiano braccia tese verso i cavalli eroi: al centro un cuore rosso fiammante emerge dal costato di Cristo, mentre campeggia in alto limmagine della Madonna di Provenzano, in onore della quale Siena corre il Palio del 2 luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori