Diretta / Francia-Islanda (risultato finale 5-2) info streaming video e tv: i Blues in semifinale! (Rai 1, Euro 2016 quarti, oggi 3 luglio)

- La Redazione

Diretta Francia-Islanda, info streaming video e tv: risultato live e cronaca della partita che si gioca allo Stade de France di Saint Denis, valida per i quarti di finale di Euro 2016

GriezmannFrancia_Euro2016
(dall'account ufficiale facebook.com/uefaeuro)

La Francia approda in semifinale battendo la rivelazione Islanda per 5 a 2: i transalpini incontreranno la Germania, che per loro sarà l’ultimo ostacolo alla finalissima in casa, mentre gli islandesi salutano la manifestazione dopo aver stupito e incantato tutti. All’84’ la formazione di Lagerback va di nuovo a segno con Bjarnason che viene dimenticato dai difensori francesi e colpisce indisturbato di testa il pallone che si infila in rete per il 5 a 2. I blues vogliono chiudere segnando il sesto gol, ma l’Islanda si chiude in difesa e limita i danni, riuscendo a non aggravare ulteriormente un passivo già abbastanza pesante. 

Quando siamo giunti al trentacinquesimo minuto del secondo tempo e ne mancano solamente dieci al novantesimo, il punteggio di Francia-Islanda vede la formazione di Deschamps avanti per 5 a 1. Dopo aver subito il gol di Sigthorsson, i transalpini riprendono a giocare e soprattutto a segnare con Giroud che al 59′ fa doppietta subito prima di uscire dal campo e lasciare il posto a Gignac. Dall’altra parte del campo, Lloris nega il gol del 2-5 a Ingason con una parata a dir poco strepitosa. Gli uomini di Lagerback non rinunciano a giocare, esponendosi al contropiede degli avversari che si rendono pericolosi ogni volta che avanzano palla al piede. Partita che continua a regalare emozioni e spettacolo nonostante abbia già emesso chiaramen un verdetto, ossia Francia in semifinale contro la Germania. 

Allo Stade de France è ricominciato il match tra Francia e Islanda, al decimo minuto del secondo tempo il punteggio vede la nazionale di Deschamps avanti per 4 a 1. Semifinale ormai in cassaforte per i transalpini, il secondo tempo è diventato una formalità con i quattro gol segnati nella prima frazione di gioco, l’Islanda (che ha sostituito Arnason e Bodvarsson con Ingason e Finnbogason) pensa solamente a limitare e a non appesantire ulteriormente il passivo già severo. Al 50′ Payet cerca di nuovo la porta ma si coordina male e spara il pallone sopra la traversa. Al 52′ Pogba ci prova dalla distanza, senza trovare lo specchio della porta. Al 56′ l’Islanda realizza il gol della bandiera con Sightorsson che si toglie la soddisfazione di segnare ai padroni di casa. 

Intervallo allo Stade de France dove si è appena concluso il primo tempo di Francia-Islanda, le due squadre tornano negli spogliatoi per il riposo sul punteggio di 4 a 0 in favore della formazione allenata da Deschamps. Transalpini padroni del campo e che hanno la partita in pugno, sono loro ad avere in mano il pallino del gioco e a concedere poco e niente agli avversari in termini di iniziative, anche se al 42′ gli uomini di Lagerback sfiorano il gol dell’1-2 con Sigurdsson che su punizione va direttamente in porta, ma Lloris blocca in due tempi. E sul capovolgimento di fronte successivo, un paio di minuti più tardi, Payet trova l’angolino col sinistro per firmare la rete del 3 a 0 che condanna l’Islanda alla resa. Non contento, Griezmann decide di mettersi in proprio e con un delizioso cucchiaio costringe Halldorsson a raccogliere il pallone dentro la propria porta per la quarta volta. 

Quando siamo giunti al trentesimo minuto del primo tempo, il punteggio di Francia-Islanda vede la formazione di Deschamps avanti per 2 a 0. Al 13′ arriva l’episodio che sblocca la partita, Giroud riceve palla sulla fascia sinistra e si invola verso la porta di Halldorsson, facendo partire un sinistro chirurgico che termina nell’angolino senza lasciare via di scampo all’estremo difensore islandese, portando così in vantaggio la nazionale francese. Passano altri sette minuti e la Francia raddoppia sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Pogba con un gran salto stacca perfettamete di testa e impatta il pallone che termina in rete alle spalle di Halldorsson per il 2 a 0. Gli islandesi non si danno per vinti e, pur soffrendo i ritmi alti imposti dagli avversari, al 25′ quasi accorciano le distanze con Bodvarsson che a pochi passi da Lloris manda il pallone appena sopra la traversa. 

Allo Stade de France di Saint-Denis (alle porte di Parigi) è cominciato l’ultimo quarto di finale, quello tra Francia e Islanda, al decimo minuto del primo tempo il punteggio è fermo sullo 0-0. Confronto molto interessante quello tra i padroni di casa e la grande rivelazione del torneo (assieme al Galles). Come da pronostico, gli islandesi non hanno alcuna paura degli avversari e provano subito a saggiare i riflessi di Lloris con Sigurdsson che al 3′ va al tiro senza però dare la giusta potenza e angolazione al pallone. Anche i transalpini dimostrano di aver approcciato bene la partita e già in un paio di occasioni si sono affacciati dalle parti di Halldorsson senza però creare grossi pericoli. 

Francia-Islanda sta per cominciare: di seguito le formazioni ufficiali della partita valida per i quarti di finale degli Europei 2016, che questa sera sono protagonisti allo Stade de France di Saint Denis, dove si completa il programma di questo turno degli Europei. Ecco dunque le scelte dei due allenatori, Didier Deschamps per la Francia e Lars Lagerback per l’Islanda per questo incontro, quello che era più difficile da immaginare. Sulla carta sembra Golia contro Davide: da una parte una super-potenza come la Francia, favorita pure dal fattore campo; dall’altra la “favola” Islanda. Andrà tutto come è logico attendersi o stiamo per vivere una serata che passerà alla storia? Per scoprirlo, parola al campo! FRANCIA (4-2-3-1): 1 Lloris; 19 Sagna, 22 Umtiti, 21 Koscielny, 3 Evra; 15 Pogba, 14 Matuidi; 18 Sissoko, 7 Griezmann, 8 Payet; 9 Giroud. Allenatore: Deschamps. ISLANDA (4-4-2): 1 Halldorsson; 2 Saevarsson, 14 Arnason, 6 R. Sigurdsson, 23 Skulason; 7 Gudmundsson, 17 A. Gunnarsson, 10 G. Sigurdsson, 8 B. Bjarnason; 9 Sigthorsson, 15 Bodvarsson. Allenatore: Lagerback. 

Uno sguardo a Francia-Islanda dal punto di vista della possibile chiave tattica del quarto di finale di Euro 2016. Come al solito gli islandesi giocheranno una partita attenta, fatta di densità in mezzo al campo di intensità su tutti i palloni, di grinta e soprattutto di contropiedi fulminei. Inoltre la squadra è molto abile a sfruttare le palle in attive e delle situazioni particolari sui falli laterali. La Francia ovviamente dovrà fare la partita e cercare di costruire un gioco corale che sia convincente. Finora la nazionale del commissario tecnico Didier Deschamps ha ottenuto i risultati senza mai dare l’impressione di essere una corazzata che può puntare al titolo. Se la partita non dovesse sbloccarsi nel secondo tempo potrebbero entrare diversi elementi che hanno le potenzialità per decidere da soli le sorti del match. Griezmann per esempio. Se non dovesse partire nell’undici titolare Le Petit Diable sarebbe un’arma letale da utilizzare negli ultimi venti minuti, quando gli avversari hanno il fiato corto.

Può rappresentare la continuazione del sogno per Lars Lagerback e il suo gruppo a Euro 2016, protagonista di un quarto di finale davvero a sorpresa. Il CT svedese lascerà la nazionale islandese dopo gli Europei, ma intanto si gode il grande momento: al punto da dare il merito dei successi dellIslanda a Roy Hodgson, lallenatore che ha battuto lunedì sera e che ha annunciato le dimissioni da CT dellInghilterra. Gli devo tutto ha detto Lagerback, con grande sincerità, ricordando come Hodgson andò in Svezia ad allenare (Halmstad negli anni Settanta, vincendo il titolo – e ripetendosi più in là – con una squadra che si era salvata a stento lanno prima, poi ancora Orebro e Malmoe) e di come i suoi dettami siano serviti tantissimo a formare il Lagerback di oggi, cioè l’artefice del grande miracolo Islanda che sogna la qualificazione alla semifinale degli Europei. Ci ha insegnato segreti tattici che per noi erano nuovi: la difesa di squadra, lorganizzazione in campo, i movimenti. Concetti quasi rivoluzionari; si può dire che labbia battuto con le sue stesse armi. E adesso sotto con la Francia

I Bleus padroni di casa si preparano alla sfida dei quarti di Euro 2016 e sanno bene che, nonostante la nazionale dei ghiacci meriti grande rispetto per quello che è riuscita a fare sin qui, non possono pensare di partire sullo stesso piano dellavversaria. Lo dice anche Antoine Griezmann, il salvatore della patria: la sua doppietta contro lIrlanda ha salvato la Francia da una clamorosa eliminazione agli ottavi e, dopo la rimonta completata contro lIrlanda, lattaccante dellAtletico Madrid non si è nascosto e non ha nascosto le ambizioni della sua nazionale. Sarebbe un fallimento uscire ai quarti ha detto. Non importa contro chi giochiamo: abbiamo le qualità per battere chiunque e vogliamo farlo davanti ai nostri tifosi. Griezmann è capocannoniere degli Europei con 3 gol (con Bale e Morata) ma non è particolarmente interessato alla cosa: Il titolo dei marcatori non è il mio obiettivo ha fatto sapere io penso solo a crescere partita dopo partita, alla fine vedremo dove sarò arrivato. I gol in ogni caso gli hanno dato fiducia, ha confidato; adesso è diventato il leader di una Francia che attende ancora il miglior Pogba, ed è ancora a lui che Deschamps si affiderà per eliminare la sorprendente Islanda.

La storia dei precedenti tra queste due nazionali inizia con le qualificazioni al Mondiale 1958. I Bleus segnarono 13 gol in due partite, subendone uno. Da quel settembre 1957 (5-1 esterno) la Francia non ha incassato gol dallIslanda per 33 anni; sono passate quattro partite nelle quali i Bleus hanno colto due vittorie, ma per due volte hanno anche pareggiato 0-0. Poi lIslanda è tornata a segnare e da allora lha fatto sempre; altre cinque partite, ma la nazionale scandinava non ha mai vinto riuscendo solo a pareggiare nel settembre 1998 (1-1) sulla strada verso gli Europei 2000 (che la Francia avrebbe vinto). Il totale parla perciò di otto vittorie della Francia e tre pareggi; curioso il fatto che gli ultimi due episodi (pur se a distanza di quasi 13 anni) siano terminati con lo stesso risultato, 3-2 in favore dei transalpini. A Valenciennes, nel maggio 2012 (di lì a poco ci sarebbero stati gli Europei), lIslanda andò sotto 2-0 allintervallo (reti di Birkir Bjarnason e Kolbeinn Sigthorsson) prima di reagire e imporsi con Mathieu Débuchy, Franck Ribéry e Adil Rami. Solo questultimo fa parte oggi dei 23 convocati da Didier Deschamps per gli Europei.

Francia-Islanda, diretta dall’arbitro Kuipers, è una partita valida per i quarti di finale di Euro 2016 e si gioca domenica 3 luglio alle ore 21 presso lo Stade de France di Saint Denis. I padroni di casa hanno la strada spianata verso la semifinale, anche se la nazionale dei ghiacciai ha dimostrato di essere un avversario temibile e si giocherà le sue carte fino in fondo.

D’altronde Les Bleus non hanno pienamente convinto fino ad ora. Agli ottavi hanno eliminato la Repubblica d’Irlanda ma giocando una partita al di sotto delle aspettative, risolta da una doppietta di Antoine Griezmann che ha risposto al calcio di rigore di Brady. L’Islanda invece ha sorpreso tutti, sconfiggendo per 2-1 l’Inghilterra. Eppure i bianchi erano passati in vantaggio con il penalty di Wayne Rooney, ma i gol di Ragnar Sigurdsson e Sightorsson hanno ribaltato la situazione e fatto gioire il popolo islandese.

La Francia ha come obiettivo la vittoria finale e probabilmente farà rifiatare qualche elemento in vista della semifinale contro una tra Germania e Italia. Deschamps probabilmente darà riposo ad Antoine Griezmann e Dimitri Payet, schierando in attacco i due folletti Kingsley Coman e Anthony Martial. Per il resto la formazione dovrebbe essere quella che finora è sempre stata quella titolare.

Hugo Lloris ovviamente è il titolare tra i pali, in difesa ci saranno Bacary Sagna, Adil Rami, Laurent Koscielny e Patrice Evra, a centrocampo Paul Pogba, Blaise Matuidi e N’Golo Kante e al centro dell’attacco il centravanti dell’Arsenal Olivier Giroud. L’Islanda invece difficilmente cambierà qualcosa. I titolari hanno dimostrato un’ottima organizzazione tattica e si intendono alla perfezione dopo diversi anni insieme.

In porta ci sarà Hannes Halldorsson, anche se la sua prestazione contro l’Inghilterra non ha pienamente convinto, in difesa il quartetto composto da Birkir Saevarsson, Kari Arnason, Ragnar Sigurdsson e Ari Skulason, a centrocampo Johann Gudmunsson, Gylfi Sigurdsson, Aron Gunnarsson e Birkir Bjarnason, in attacco Kolbeinn Sightorsson e Jón Dadi Bodvarsson.

Il commissario tecnico Lars Lagerbäck ha ottenuto risultati straordinari con questo gruppo e in patria è considerato già come un eroe. Potrebbero essere fondamentali gli uno contro uno sulle fasce: Evra da un lato se la vedrà con Arnason, mentre dall’altro Sagna affronterà Skulason. Tuttavia il 4-4-2 islandese è un modulo molto compatto soprattutto sugli esterni, per questo motivo la Francia proverà a sorprendere gli avversari tra le linee con la qualità tecnica dei suoi uomini migliori, su tutti lo juventino Pogba.

Raggiungere la semifinale sarebbe un risultato leggendario per l’Islanda, ma ovviamente la Francia è partita coi favori del pronostico fino dalla gara inaugurale, ha una struttura di squadra migliore e avrà dalla sua il caloroso pubblico di casa a sostenerla.

I bookmaker naturalmente vedono la Francia come favorita di questo quarto di finale. Secondo l’agenzia di scommesse Snai i transalpini avranno la meglio sulla piccola Islanda, infatti la quota per la vittoria è di 1,42. Una vittoria dell’Islanda invece è piuttosto improbabile, con la quota fissata a 8,50. Più bassa la quota per il pareggio, 4,50, che costringerebbe le due nazionali a disputare i tempi supplementari.

La diretta tv di Francia-Islanda sarà come sempre garantita da Sky Sport: appuntamento su Sky Sport 1 e Sky Super Calcio, con il servizio di diretta streaming video per tutti gli abbonati grazie all’applicazione Sky Go, da attivare senza costi aggiuntivi su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone. Questa sera però ci sarà anche la possibilità di assistere alla partita su Rai 1, e dunque in diretta streaming video sul sito www.rai.tv; per chi volesse si potrà andare su Rai 4, dove la telecronaca sarà affidata alla Gialappa’s Band.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori