Probabili formazioni/ Napoli Atalanta: quote e ultime novità live. Orsolini sotto i riflettori (Coppa Italia)

Probabili formazioni Napoli Atalanta: quote e ultime live su moduli e titolari per la partita di Coppa Italia al San Paolo per i quarti (2 gennaio 2018)

02.01.2018 - Mauro Mantegazza
Mertens_Napoli_urlo_lapresse_2017
Napoli, Mertens consegna le pizze - La Presse

Riccardo Orsolini potrebbe giocare Napoli Atalanta, anche se nelle probabili formazioni non si può ancora dare per certa la sua presenza dal primo minuto. In ogni caso cè interesse attorno a questo talento classe 1997 che è stato seguito con grande attenzione anche dal Napoli quando ancora indossava la maglia dellAscoli, cioè la squadra della città natale di Orsolini. Nel gennaio dellanno scorso però Orsolini fu acquistato dalla Juventus, che prima lo ha lasciato in prestito per altri sei mesi nelle Marche per fargli completare il campionato e poi lo ha mandato allAtalanta, ambiente notoriamente ideale per fare crescere i giovani di talento. Orsolini finora ha raccolto nove presenze fra campionato, Coppa Italia ed Europa League: numeri non clamorosi, ma alla scuola di Gian Piero Gasperini il marchigiano può crescere tanto a patto di sfruttare le occasioni, vedremo se gliene sarà concessa una stasera. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL DUELLO TRA PORTIERI

Parlando delle probabili formazioni di Napoli Atalanta, si può osservare un curioso duello fra i due portieri, perché il Napoli dovrebbe schierare la riserva Luigi Sepe mentre per lAtalanta non è da escludere la presenza del titolare Etrit Berisha, che sabato in campionato non ha giocato contro il Cagliari. Sepe nella scorsa stagione era tornato al Napoli senza mai mettere piede in campo per tutta la stagione in nessuna competizione, la dura vita del terzo portiere. Questanno le cose vanno già meglio per Sepe, che ha giocato in campionato contro il Chievo e nel turno precedente di Coppa Italia contro lUdinese, tra laltro mantenendo imbattuta la propria porta in entrambe le circostanze. Sepe dunque sta facendo bene quando è stato chiamato in causa e magari comincia anche ad essere un portafortuna. Berisha naturalmente ha molta più abitudine al campo, avendo già raccolto in questa stagione ben 22 presenze fra campionato ed Europa League, a cui aggiungere le partite disputate con la Nazionale albanese. Un confronto dunque che sarebbe anomalo, ma pure intrigante quello fra Sepe e Berisha. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LO SPAURACCHIO CALDARA

Mattia Caldara è uno dei nomi più attesi nelle probabili formazioni di Napoli Atalanta. Il difensore nerazzurro infatti dovrebbe tornare in campo dal primo minuto dopo essere rimasto in panchina nella partita che lAtalanta sabato pomeriggio in campionato ha perso in casa in campionato contro il Cagliari nonostante un dominio quasi assoluto. Caldara è però sicuramente uno dei giocatori più importanti di questa Atalanta, dunque in un match difficile come quello di Napoli Gian Piero Gasperini dovrebbe schierarlo fin dal primo minuto. Per il pubblico del San Paolo inoltre Caldara è un vero e proprio spauracchio, perché tutti a Napoli ricordano cosa successe il 25 febbraio scorso, quando lAtalanta andò a vincere per 0-2 a Napoli proprio con doppietta di Caldara, una rarità per un difensore sia pure con il vizio del gol, come Mattia ha dimostrato di essere da quando si è imposto allattenzione generale. Insomma, il Napoli dovrà stare attento al giocatore di proprietà della Juventus anche quando sarà in attacco lAtalanta. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SPAZIO PER MERTENS

Nelle probabili formazioni di Napoli Atalanta abbiamo sottolineato che dovrebbe essere regolarmente in campo al centro dellattacco partenopeo Dries Mertens. Lobiettivo del belga è quello di ritrovare al più presto il gol, che manca in campionato addirittura dal 29 ottobre contro il Sassuolo e in assoluto dal 21 novembre, quando Mertens segnò il terzo e ultimo gol della vittoria del Napoli in Champions League contro lo Shakhtar Donetsk, successo che poi si rivelò solo unillusione per il prosieguo del cammino dei partenopei nella massima Coppa europea. Mertens paga probabilmente gli sforzi di una stagione nella quale non si può mai riposare, considerato pure linfortunio di Milik che avrebbe potuto essere molto utile in partite che richiedano un centravanti vero. Per il riposo però ci sarà lormai imminente sosta: ecco perché Dries Mertens oggi dovrebbe essere regolarmente in campo anche in Coppa Italia, alla ricerca come sempre del gol. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Napoli Atalanta apre il 2018 del nostro calcio: allo stadio San Paolo si gioca questa sera, martedì 2 gennaio alle ore 20.45 per la sfida valida per i quarti di finale di Coppa Italia in partita secca. Tutto si giocherà questa sera, con eventuali supplementari e rigori in caso di necessità: il Napoli ci arriva da campione dinverno e di sicuro punta molto anche alla Coppa Italia come un trofeo da vincere come già due volte è riuscito nel recente passato, ma lAtalanta è avversario da non sottovalutare e proverà a fare la sorpresa, come sicuramente i nerazzurri di Gian Piero Gasperini sono in grado di fare. Andiamo subito a vedere i dubbi e le certezze nella mente dei due allenatori, analizzando in maniera più approfondita le probabili formazioni di Napoli Atalanta.

QUOTE E PRONOSTICO

Se voleste puntare sulla partita del San Paolo fra Napoli e Atalanta, lagenzia di scommesse Snai indica negli azzurri di Sarri i chiari favoriti dellincontro. Andando a vedere le quote, infatti, si scopre che il segno 1 per la vittoria del Napoli pagherebbe 1,50 volte la posta in palio, mentre per il segno X che identifica il pareggio si sale a 4,50, fino a raggiungere quota 6,00 che è quella per il segno 2 che indica naturalmente un colpaccio esterno da parte dellAtalanta.

PROBABILI FORMAZIONI NAPOLI ATALANTA

LE SCELTE DI SARRI

Ci sarà certamente un po di turnover, vediamo però fino a che punto si spingerà Maurizio Sarri. Ad esempio in difesa è praticamente certo lutilizzo di Mario Rui, che in campionato era squalificato, e di almeno uno fra Maksimovic e Chiriches per far rifiatare Albiol e Koulibaly: il rumeno è praticamente certo di essere in campo, probabilmente al fianco di Koulibaly per un mix dunque fra titolari e riserve. A centrocampo dovrebbe fare gli straordinari in cabina di regia Jorginho, mentre ai suoi fianchi potrebbero giocare Rog e Zielinski, che tornerebbe dunque in mediana dopo avere spesso agito nelle ultime settimane come vice Insigne. In attacco invece potrebbero essere Mertens e Insigne a fare gli straordinari: per il belga cè naturalmente anche il desiderio di cercare il gol che manca ormai da troppo tempo, mentre Ounas potrebbe far rifiatare Callejon, anche se pure per lo spagnolo cè un digiuno di gol che dura da molto tempo.

LE MOSSE DI GASPERINI

Il turnover sarà forse ancora più importante per lAtalanta, considerando che i nerazzurri sabato in campionato andranno a Roma. Facendo di necessità virtù, Gian Piero Gasperini dovrebbe varare un mix di titolari e riserve, magari rimettendo in campo Berisha e Caldara, normalmente titolari fissi che però sabato contro il Cagliari non hanno giocato in campionato. A centrocampo dovrebbe esserci un turnover molto ampio, con Spinazzola però confermato sulla propria fascia di competenza, magari per riscattarsi dopo lerrore contro i sardi. Stuzzicante soprattutto lattacco, dove la squalifica di Kurtic (espulso agli ottavi contro il Sassuolo) dovrebbe dare un posto da titolare a Ilicic oppure al Papu Gomez che finalmente è tornato al gol, al fianco di Cornelius che in termini di media gol è comunque una garanzia e magari al talento Orsolini, che lanno scorso era stato seguito con grande attenzione anche dal Napoli e potrebbe giocare al San Paolo.

PROBABILI FORMAZIONI NAPOLI ATALANTA: IL TABELLINO

NAPOLI (4-3-3): Sepe; Maggio, Chiriches, Koulibaly, Mario Rui; Rog, Jorginho, Zielinski; Ounas, Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri.

ATALANTA (3-4-3): Berisha; Toloi, Caldara, Bastoni; Castagne, De Roon, Haas, Spinazzola; Ilicic, Cornelius, Orsolini. Allenatore: Gasperini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori