Diretta/ Chievo Inter (risultato finale 1-1) info streaming video e tv: Pellissier gela i nerazzurri!

Diretta Chievo Inter, streaming video e tv: dopo aver battuto l’Udinese i nerazzurri sperano di rilanciare le loro ambizioni nella trasferta sul campo dell’ultima in classifica.

22.12.2018, agg. alle 19:59 - Claudio Franceschini
Pronostico Inter Bologna (Foto LaPresse)

DIRETTA CHIEVO INTER (RISULTATO FINALE 1-1): PELLISSIER GELA I NERAZZURRI!

Clamoroso epilogo allo stadio Bentegodi di Verona: al 91′ il Chievo riacciuffa un’Inter che sembrava in controllo nel punteggio, e che invece all’inizio dei 3′ di recupero segnalati dall’arbitro Pasqua è caduta in una grave disattenzione difensiva. Sale la difesa e sulla sponda di Stepinski in avanti Pellissier si involta verso Handanovic, e con un preciso pallonetto supera il portiere sloveno in uscita. Nel finale recupero prolungato fino a 5′ e 40” con un controllo VAR per un contatto su Borja Valero in area che non c’è, e infatti l’arbitro fischia la fine con grande rabbia di Luciano Spalletti, che nei 20′ finali aveva visto la sua squadra gestire con sicurezza il vantaggio col Chievo che aveva un po’ smarrito la brillantezza della prima ora di gioco. (agg. di Fabio Belli)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Chievo Inter è riservata ai soli possessori di un abbonamento alla televisione satellitare: il canale cui fare riferimento è Sky Sport Serie A (numero 202) o in alternativa Sky Sport 252, e come al solito i clienti Sky avranno la possibilità di collegare fino a due apparecchi mobili (PC, tablet o smartphone) ai dati del proprio abbonamento per seguire la partita anche in diretta streaming video, grazie all’applicazione Sky Go che non comporta costi aggiuntivi.

HANDANOVIC SALVA SU PELLISSIER!

Molto vivace la ripresa tra Chievo e Inter, i nerazzurri cercano il raddoppio e i veneti non rinunciano a cercare il pari. Nell’intervallo Di Carlo sostituisce Kiyine con Jarozynski, che rimedia un fallo da Joao Mario che costa un cartellino giallo al portoghese dell’Inter. All’11’ buona occasione per lo 0-2 per l’Inter, con Sorrentino che dice ancora di no a Icardi dopo un bello scambio tra l’argentino e Perisic. Al 13′ però è il Chievo ad avere la grande chance per il pareggio, con Giaccherini bravo a pescare in area Pellissier che gira in porta, Handanovic si allunga bene e toglie il pallone dall’angolino basso. Giaccherini si accende e costringe al 14′ Brozovic ad un fallo da ammonizione, 2′ dopo finisce sul taccuino dell’arbitro Rigoni per un intervento falloso su Nainggolan. Brozovic cerca Icardi e Bani mura la conclusione del bomber nerazzurri, quindi al 22′ Spalletti cambia con Vecino che rileva Nainggolan, con l’Inter a metà secondo tempo ancora in vantaggio 0-1 allo stadio Bentegodi contro il Chievo. (agg. di Fabio Belli)

LA SBLOCCA PERISIC!

L’Inter è riuscita a sbloccare il risultato allo stadio Bentegodi, portandosi in vantaggio 0-1 in casa del Chievo grazie a una rete di Perisic. Il croato è andato in gol dopo una verticalizzazione di Icardi per D’Ambrosio, che ha piazzato un cross forte e teso verso il centro dell’area dove Perisic ha fatto irruzione, realizzando indisturbato il vantaggio nerazzurro. L’Inter era andata molto vicino al gol anche al 28′, con Sorrentino che aveva negato la rete a Icardi con un grande intervento, e Nainggolan che successivamente non ha inquadrato la porta. Alla mezz’ora il primo ammonito della partita è stato Kiyine per un fallo su Vrsaljko, quindi l’Inter ha insistito sul fronte offensivo fino a sbloccare il risultato. Da segnalare un’altra ammonizione nel Chievo, sanzionato al 42′ Hetemaj per proteste, quindi Perisic trova un ottimo assist per Joao Mario che da due passi arriva all’impatto in scivolata sul pallone che finisce però a lato. Senza recupero, l’arbitro manda tutti negli spogliatoi per l’intervallo. (agg. di Fabio Belli)

BUONA PARTENZA DEI VENETI

Ha iniziato bene la sfida contro l’Inter il Chievo, che nonostante la distanza in classifica dia nerazzurri ha affrontato il match senza timori reverenziali. Neanche un minuto sull’orologio e con una conclusione mancina dalla lunga distanza Meggiorini ha impegnato Handanovic, mentre l’Inter nei primi 10′ si è fatta vedere solamente con un tentativo velleitario di Perisic. Il possesso palla è di marca nerazzurra ma il pressing alto dei veneti riesce a chiudere bene molti corridoi per i tentativi offensivi dell’Inter. Pellissier e Meggiorini dialogano molto bene sul fronte offensivo anche se ai 16 metri De Vrij riesce sempre a metterci una pezza, dall’altra parte per i padroni di casa sono molto utili le chiusure di Depaoli. Al 22′ è reattivo Vrsaljko nel chiudere in calcio d’angolo su Giaccherini, il Chievo vede accendersi anche Kiyine, sempre interessante con le sue accelerazioni. A metà primo tempo risultato ancora a reti bianche tra Chievo e Inter. (agg. di Fabio Belli)

FORMAZIONI UFFICIALI!

Chievo Inter inizierà fra pochissimo, ma prima di leggere le formazioni ufficiali del posticipo delle ore 18.00 – con la notizia del ritorno di Nainggolan dal primo minuto – andiamo a curiosare fra le statistiche delle due squadre in questa prima parte del campionato di Serie A. Il Chievo non ha mai vinto finora in questa stagione, mentre ha pareggiato sette partite e perse nove, ma ultimamente è in striscia positiva. L’attacco ha totalizzato 12 gol e la difesa ha incassato ben 32 reti, ma appena due da quando c’è in panchina Domenico Di Carlo. Sono appena sei gli assist totalizzati dalla compagine veronese; mentre 116 sono i tiri totali, di cui 52 in porta e 64 fuori dallo specchio. L’Inter dal canto suo ha vinto dieci partite, ne ha pareggiate soltanto due e ne ha perse quattro. La squadra nerazzurra ha totalizzato 28 gol e ne ha subiti 13. Gli assist attribuiti sinora agli uomini di Luciano Spalletti sono in totale 18. La somma dei tiri totali è pari invece a 205: 100 in porta e 105 fuori dallo specchio. Adesso però basta numeri, è giunto il momento di pensare al campo: leggiamo le formazioni ufficiali, poi Chievo Inter avrà inizio! CHIEVO: 70 Sorrentino; 14 Bani, 15 Rossettini, 5 Barba; 27 Depaoli, 4 Rigoni, 56 Hetemaj, 17 Giaccherini, 13 Kiyine; 69 Meggiorini, 31 Pellissier. A disposizione: 1 Semper, 67 Caprile, 3 Tanasijevic, 9 Stepinski, 11 Leris, 12 Cesar, 20 Djordjevic, 21 Burruchaga, 22 Obi, 23 Birsa, 40 Tomovic, 44 Jaroszynski. Allenatore: Domenico Di Carlo. INTER: 1 Handanovic; 2 Vrsaljko, 37 Skriniar, 6 De Vrij, 33 D’Ambrosio; 15 Joao Mario, 77 Brozovic, 14 Nainggolan; 16 Politano, 9 Icardi, 44 Perisic. A disposizione: 27 Padelli, 5 Gagliardini, 8 Vecino, 10 Lautaro, 11 Keita, 13 Ranocchia, 20 Borja Valero, 29 Dalbert, 87 Candreva. Allenatore: Luciano Spalletti.

DI CARLO CONTRO SPALLETTI

Interessante è la sfida tra gli allenatori di Chievo Inter che vede l’uno di fronte all’altro Domenico Di Carlo e Luciano Spalletti. Il tecnico dei clivensi è un allenatore molto equilibrato che ha costruito i suoi successi in provincia. E’ stato chiamato per sostituire Lorenzo D’Anna e cercare di porre rimedio a una situazione difficile, visto che il Chievo partiva anche con una penalizzazione. Nonostante non abbia mai avuto a disposizione calciatori dall’altissimo tasso tecnico non è riuscito fino a questo momento a fare faville con la sua squadra. Il suo modulo preferito è un 4-3-3 con due ali esterne proiettate a un gioco offensivo davvero molto interessante. In fase di non possesso la squadra però di fatto si dispone con un 4-5-1. Dall’altra parte c’è un Luciano Spalletti che ha ridato colore all’Inter nonostante al momento non sia riuscito a raggiungere gli ottavi di finale di Champions League. Nonostante si tratti di un allenatore poco favorevole a cambiare il suo 4-2-3-1 l’infortunio di Radja Nainggolan l’ha costretto a fare un passo indietro, scegliendo di optare su un 4-3-3 che gli ha dato ottimi risultati. Si tratta di un allenatore offensivo con una mentalità da grande squadra, cosa che serviva all’Inter dopo alcune scelte infelici del passato. (agg. di Matteo Fantozzi)

TESTA A TESTA

Verso la diretta di Chievo Inter, possiamo adesso osservare qualche numero sui precedenti tra le due squadre, che sono 32. Numero molto alto se si considera che le prime sfide risalgono al campionato 2001-2002, il primo di sempre in Serie A per il Chievo. Il bilancio sorride in modo molto chiaro all’Inter, che ha raccolto venti vittorie a fronte di sette pareggi e appena cinque affermazioni del Chievo. I gol segnati sono 57 per i nerazzurri e 30 per i gialloblù, dunque quasi doppiati dai più blasonati rivali. Naturalmente a Verona i numeri sono un po’ migliori per il Chievo, che ha colto quattro delle sue cinque vittorie fra le mura amiche, ma comunque anche al Bentegodi è nettamente davanti l’Inter con nove successi. Nello scorso campionato ci furono due vittorie per la squadra di Luciano Spalletti: 5-0 all’andata a San Siro il 3 dicembre 2017 con la tripletta di Ivan Perisic e i gol di Mauro Icardi e Milan Skriniar, mentre in casa del Chievo il 22 aprile 2018 l’Inter si è imposta per 1-2 di nuovo grazie ai gol di Icardi e Perisic, mentre la rete di Mariusz Stepinski servì solamente per accorciare le distanze proprio al 90’ minuto. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’ARBITRO

Chievo Inter si gioca tra poco allo stadio Bentegodi e, lo abbiamo visto nella presentazione della partita, sarà diretta dal signor Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli; un arbitro che ha diretto 31 incontri di massima serie, comminando 107 cartellini gialli e appena 5 rossi, con sette calci di rigore fischiati. Pasqua ha incrociato per cinque volte il Chievo (due vittorie, un pari e una sconfitta) e solo una volta con l’Inter, che cavalca idealmente questo precedente visto che fa riferimento ad un sonoro 4-0 inflitto al Cagliari. Il direttore di gara di Tivoli sarà oggi assistito dai guardalinee Fabrizio Posado di Bari e Mauro Galetto di Rovigo, col quarto uomo Fabio Piscopo di Imperia, il VAR Livio Marinelli di Tivoli e l’AVAR Stefano Del Giovane di Albano Laziale. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Chievo Inter sarà diretta dal signor Fabrizio Pasqua: alle ore 18:00 di sabato 22 dicembre la partita dello stadio Bentegodi rappresenta uno dei primi posticipi nella diciassettesima giornata del campionato di Serie A 2018-2019, un turno che viene disputato interamente oggi. Per i nerazzurri, reduci dalla vittoria sull’Udinese, ci sarà l’occasione per confermare il terzo posto e il vantaggio sulle inseguitrici, ma anche il tentativo di avvicinare le prime due posizioni rendendo meno netto il dominio di Juventus e Napoli. Il Chievo è ancora ultimo in classifica, ma se non altro appare in leggera ripresa rispetto a quanto si era visto all’inizio della stagione; proverà almeno a prendersi un pareggio per continuare a muovere la sua graduatoria. Aspettiamo allora con trepidazione la diretta di Chievo Inter, il cui calcio d’inizio è atteso tra poche ore.

RISULTATI E PRECEDENTI

Chievo Inter come detto è una bella occasione per i nerazzurri: l’eliminazione dalla Champions League brucia ancora, da febbraio Luciano Spalletti e i suoi dovranno concentrarsi sull’Europa League (il primo avversario sarà il Rapid Vienna) ma intanto la squadra ha battuto l’Udinese sia pure di misura, rilanciandosi così in chiave terzo posto e provando a non far scappare le prime due della classe, con almeno il Napoli che non è lontanissimo e dovrà essere affrontato nel girone di andata. Positivo anche l’esordio ufficiale di Beppe Marotta come dirigente, adesso la strada dovrà proseguire con costanza e questa è sicuramente una partita da vincere. Non bisogna comunque sottovalutare il Chievo: Mimmo Di Carlo sembra aver trovato un buon ritmo e la prova di questo è che è ancora imbattuto, sia pure abbia sempre pareggiato (quattro volte). Sono cinque i pareggi consecutivi del Chievo; la striscia di imbattibilità si è allungata, ma servirà poco per salvarsi se non arriverà qualche vittoria (i veneti sono ancora l’unica squadra a non aver mai festeggiato un successo nel corso di questo campionato).

PROBABILI FORMAZIONI CHIEVO INTER

In Chievo Inter ci sono due squalificati: da una parte Radovanovic, dall’altra Asamoah. Di Carlo potrebbe dare spazio a Kiyine tra Nicola Rigoni ed Hetemaj, oppure spostare l’ex Cittadella al centro con Léris nel ruolo di mezzala. In difesa torna Depaoli, che agirà a destra; in mezzo Rossettini e Bani, a sinistra Federico Barba o Jaroszynski. Avremo poi Birsa o Giaccherini (ma lo sloveno è favorito), nel reparto offensivo Meggiorini, Pellissier e Stepinski si giocano le due maglie con il polacco che potrebbe tornare titolare. L’Inter invece si affiderà a Vrsaljko e D’Ambrosio come terzini; possibile riposo per De Vrij (dentro Miranda) e Perisic (dunque Keita Baldé verso una maglia) ma anche Icardi potrebbe partire dalla panchina, con Lautaro Martinez da prima punta. Invariato il resto: Handanovic in porta, Skriniar al centro della difesa, centrocampo con Brozovic in cabina di regia supportato da Joao Mario e Gagliardini e Politano esterno destro. Possibilità per Nainggolan, ma bisognerà valutare le reali condizioni del belga.



© RIPRODUZIONE RISERVATA